Home Personale Concorso dirigenti scolastici, a breve le graduatorie. Ci saranno circa 2 mila...

Concorso dirigenti scolastici, a breve le graduatorie. Ci saranno circa 2 mila assunzioni

CONDIVIDI

Il Consiglio di Stato ha sospeso in via cautelare l’esecuzione della sentenza n. 8655/2019 con cui il Tar Lazio il 2 luglio scorso aveva annullato il concorso dirigente scolastico. Il Consiglio di Stato, infatti, si è riservato di decidere la questione nel merito all’esito della discussione fissata per il 17 ottobre prossimo.

Concorso dirigente scolastico: a breve le graduatorie

A questo punto, in attesa dello scioglimento della riserva e delle possibili conseguenze, gli occhi sono puntati sulle graduatorie dei vincitori: “Procederemo senza indugio con le assunzioni. La scuola non può aspettare, ha bisogno di nuovi dirigenti scolastici per guidare gli istituti e superare il fenomeno dannoso delle reggenze”, ha detto il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti.

Le graduatorie dei vincitori sono previste a breve, forse già in settimana. A partire da queste graduatorie si procederà alle immissioni in ruolo, con riserva, dei nuovi dirigenti scolastici.

ICOTEA_19_dentro articolo

I dirigenti scolastici immessi in ruolo saranno circa 2000

Ricordiamo che la graduatoria del concorso dirigente è nazionale, ovvero i vincitori potranno indicare in ordine di preferenza tutte le regioni. Sulla base di ciò ci sarà lo scorrimento e in seguito l’assegnazione della sede da parte dell’USR.

 

LEGGI LA SENTENZA DEL TAR

TUTTO SUL CONCORSO DIRIGENTI SCOLASTICI

 

PIANO DI ACCOMPAGNAMENTO
PER I NUOVI DIRIGENTI SCOLASTICI

 

Ecco gli approfondimenti sul tema:

Concorso dirigenti: sindacati pronti ad intervenire al CdS a fianco del Miur

Concorso dirigenti scolastici, in arrivo sospensiva e nomine in ruolo con riserva. Il Codacons con gli esclusi

Si parla anche di dimissioni del Ministro

Perchè tre commissari erano incompatibili

La posizione dell’Ancodis: è una sconfitta del sistema scolastico
Lo Snals vuole chiarimenti

Il Miur si rivolgerà al Consiglio di Stato

Arriva la protesta dai social: è una vergogna