Home Personale Concorso dirigenti scolastici, pronto il bando. Fedeli: “così combattiamo le reggenze”

Concorso dirigenti scolastici, pronto il bando. Fedeli: “così combattiamo le reggenze”

CONDIVIDI

Come abbiamo scritto in precedenza, il bando del concorso dirigenti scolastici arriverà in Gazzetta Ufficiale domani 24 novembre. Adesso lo conferma anche il Ministero dell’Istruzione, tramite un comunicato stampa.
Confermato che le domande per partecipare si potranno inoltrare dal 29 novembre al 29 dicembre.
Al corso-concorso possono partecipare i docenti e il personale educativo di ruolo con almeno cinque anni di servizioÈ utile anche il servizio precedente al ruolo.

I posti da assegnare e i numeri dei dirigenti scolastici

Attualmente sono 6.792 i dirigenti scolastici in servizio, 1.189 i posti vacanti, 1.748 le reggenze, tenendo conto anche di scuole sottodimensionate e dei distacchi (comandi) presso altre amministrazioni o sindacali.
Inoltre, il 68,2% dei dirigenti in servizio è una donna, il 31,6% ha più di 60 anni (un dato comunque in calo rispetto al passato), l’età media è di 55,6 anni.

I posti banditi corrispondono ai posti vacanti nell’anno scolastico in corso, più quelli che si renderanno liberi a seguito dei pensionamenti nel 2018/2019, 2019/2020 e 2020/2021, detratti quelli che si possono coprire con le graduatorie esistenti nonché quelli delle scuole sottodimensionate (che non possono avere un dirigente titolare).

In mezzo alla notizia

Il concorso consentirà quindi di abbattere il fenomeno delle reggenze sino al 2020/2021, anche perché si tratta di un bando nazionale e non regionale come l’ultimo del 2011. Si eviteranno così casi di graduatorie sguarnite e di altre troppo piene.

Le parole del ministro: abbattiamo le reggenze”

“I numeri del bando garantiscono una risposta importante e adeguata a scuole, ragazze e ragazzi e famiglie, garantendo l’abbattimento delle reggenze”, spiega la Ministra Valeria Fedeli. “Il ruolo della dirigenza è fondamentale nelle scuole: per il coordinamento del lavoro, per tenere insieme la comunità scolastica. Il dirigente è un punto di riferimento. Abbattere il fenomeno delle reggenze significa, dunque, lavorare per la qualità del sistema”.
Il ministro sottolinea che il concorso sarà innovativo sotto il profilo della selezione. “Sarà un corso-concorso, con una fase di tirocinio e accompagnamento successiva alle prove scritte, che è fondamentale per verificare sul campo le capacità gestionali e di organizzazione del lavoro delle candidate e dei candidati, chiamati anche a dimostrare la capacità di inserimento nella comunità scolastica ed educante, oltre che le loro conoscenze sulla normativa del settore. Si tratta, in sintesi, di un concorso che tiene conto dei cambiamenti che la professionalità del dirigente ha subito in questi anni per selezionare i migliori profili, valorizzando anche titoli ed esperienze fatte dalle e dagli aspiranti, compresi titoli di dottorato o attività di ricerca”, conclude Fedeli.

TUTTE LE FASI DEL CONCORSO ALLA PAGINA SUCCESSIVA