Home Archivio storico 1998-2013 Concorso Dirigenti Concorso Ds in Lombardia: la Lega Nord porta come esempio da seguire...

Concorso Ds in Lombardia: la Lega Nord porta come esempio da seguire la Sicilia

CONDIVIDI

Il 3 ottobre 2012, nella seduta n. 807 si è formulato l’atto di Sindacato Ispettivo n° 1-00698, a nome di un gruppo di parlamentari della Lega Nord. Questo atto di Sindacato Ispettivo prende spunto dalla sentenza del 17 luglio 2012, n. 2035 emessa dal Tribunale amministrativo regionale per la Lombardia (sezione quarta), che ha annullato gli atti relativi allo svolgimento delle prove scritte sulla base di una presunta violazione del principio dell’anonimato ( buste trasparenti ). 
Inoltre in questo atto si ricorda che in data 28 agosto 2012, il Consiglio di Stato, in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha rigettato l’istanza cautelare promossa dal Ministero (ricorso n. 5836 del 2012), richiamando la citata sentenza n. 1928/2012, ribadendo comunque che le buste, prodotte agli atti del giudizio hanno natura tale da rendere astrattamente leggibili i nominativi stessi. Sempre analizzando il documento in oggetto si evidenzia il fatto che a parere dei firmatari risulta urgente risolvere la questione del concorso a dirigente scolastico in Lombardia, che sta rendendo difficile e quanto mai incerta la gestione complessiva del relativo sistema di istruzione in questa regione. 
A tal proposito si fa un preciso riferimento legislativo alla legge n. 202 del 3 dicembre 2010, infatti, per salvaguardare il sistema scolastico in Sicilia, è stata prevista attraverso questa legge la rinnovazione del concorso per dirigenti scolastici indetto con decreto direttoriale 22 novembre 2004, annullato per vizi procedimentali. La Sicilia e gli esclusi da quel concorso DS potrebbero rispondere con un ragionamento basato sulla tanto discussa sussidiarietà, evidenziando il fatto che la legge 202 è stata fatta su misura per loro e su quelle irregolarità procedurali. Quindi una legge probabilmente non applicabile ad altre realtà territoriali, perché ogni regione ha bisogno di una propria legge, che sia adeguata a tutti gli episodi amministrativi che ne richiedano la sua formulazione. Il link dell’atto di Sindacato Ispettivo n° 1-00698

CONDIVIDI