Home Attualità Coronavirus, per debellarlo servono tre mesi: ma potrebbe tornare in autunno

Coronavirus, per debellarlo servono tre mesi: ma potrebbe tornare in autunno

CONDIVIDI
  • Credion

Nessuno vuole creare allarmismi, ma purtroppo i tempi di convivenza con il Coronavirus potrebbero essere più lunghi di quanti si pensi: tre mesi, ma senza poi pensare di averlo vinto. A sostenerlo sono due studi indipendenti pubblicati sulla rivista The Lancet, ripresi dall’agenzia Ansa.

LA NOTA MIUR E TUTTE LE MISURE

Icotea

CORONAVIRUS – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Tracciare il 70% dei contagiati

Il primo studio, coordinato da Rosalind M. Eggo della Scuola di igiene e medicina tropicale di Londra, ha utilizzato un modello matematico per valutare la fattibilità del controllo dei nuovi focolai di Covid-19.

I risultati mostrano che per domarli bisognerebbe tracciare almeno il 70% dei contatti dei contagiati.

In caso contrario. le probabilità di successo si riducono, così come nel caso in cui l’isolamento venga attuato tardivamente dall’insorgenza dei sintomi o nel caso in cui sia particolarmente rilevante la trasmissione del virus da parte di persone asintomatiche.

La guardia deve rimanere alta

E le incertezze sui tempi di permanenza del Covid-19 dominano anche il secondo studio su Lancet: questo, coordinato da T. Déirdre Hollingsworth dell’Università di Oxford, ha provato a valutare l’efficacia delle misure di mitigazione messe in atto su scala nazionale dalle autorità governative.

Ebbene, i nuovi focolai epidemici da Coronavirus possono essere domati in meno di tre mesi se i malati vengono isolati tempestivamente e se i casi ‘nascosti’ vengono scoperti, tracciando anche in questo caso in maniera efficace i contatti dei contagiati.

 

Pertanto, la guardia deve essere mantenuta alta anche a livello nazionale, perché allentare precocemente le misure di distanziamento sociale potrebbe portare a nuovo picco di contagi in autunno.

Questo significa che prima di maggio sarebbe praticamente impossibile tornare alla normalità, scuole aperte comprese.

Siamo alla pandemia: per i Governi decisioni ardue

In generale, i ricercatori, che parlano già di pandemia, sostengono che “i governi non potranno minimizzare le morti da Coronavirus e allo stesso tempo anche l’impatto economico della diffusione del virus”.

Sottolineano, quindi, che se le misure di distanziamento sociale vengono allentate dopo pochi mesi per dare respiro all’economia, il rischio è che si ripresentino nuovi picchi di contagio più avanti nei mesi. Anche dopo l’estate.

“Decisioni difficili attendono i governi”, scrivono gli autori dello studio.

“La risposta dei singoli individui alle raccomandazioni per prevenire la trasmissione del contagio – hanno scritto i ricercatori – sarà importante quanto le azioni del governo, se non di più. Le strategie comunicative del governo per informare i cittadini sui modi per evitare l’infezione sono vitali, al pari degli aiuti straordinari per gestire il calo dell’economia”, hanno concluso gli esperti.