Home Personale DSGA, in autunno il bando di concorso per oltre 2mila posti

DSGA, in autunno il bando di concorso per oltre 2mila posti

CONDIVIDI

La legge di bilancio 2018 ha previsto all’interno del pacchetto relativo alle misure sulla scuola, l’emanazione, entro il 2018, dopo oltre 15 anni di attesa, del concorso per DSGA.
Abbiamo riportato in precedenza, che nel corso di un’informativa fra sindacati e Miur avvenuta il 7 agosto, l’Amministrazione ha fatto sapere di aver già inviato la richiesta di autorizzazione al MEF per bandire il concorso e che la procedura della sua predisposizione sta proseguendo con diverse interlocuzioni col Ministero dell’Economia. I tempi previsti per l’emanazione del bando sono settembre/ottobre.

Se dovesse essere confermata tale data, i vincitori di tale concorso entrerebbero a partire dall’anno scolastico 2019/2020.

I posti vacanti

L’indizione del concorso Dsga resta prioritario, perché i posti vacanti e disponibili nello scorso anno scolastico sono stati circa 1.700 e dal primo settembre 2018 si prevede che arriveranno a circa 2.400, cioè il 30% dell’intero organico.

In mezzo alla notizia

ATA utilizzati come Dsga

Bisogna attendere la conferma, ma sembra praticamente sicura che al prossimo concorso per Dsga, potranno partecipare tutti gli assistenti amministrativi che possono vantare e documentare 36 mesi di servizio come Dsga.
Si tratta di un’apertura importante oltre che legittima, dato che sono moltissime le scuole che utilizzano da anni personale amministrativo nel ruolo superiore di “segretario”.

Non resta quindi che aspettare il bando che quindi è atteso subito dopo l’estate.

Chi è il DSGA?

In qualsiasi istituzione scolastica è presente il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi (DSGA).
Si tratta della figura di direzione più importante e con le maggiori responsabilità dopo il Dirigente Scolastico. Come si può leggere anche nella Tabella A del CCNL 29/11/2007 il profilo del DSGA rientra nell’Area D del personale ATA.

Le sue attività sono principalmente di tipo amministrativo, contabile e direttivo.

Il DSGA è tenuto a svolgere 36 ore settimanali, da gestire con autonomia e flessibilità durante la settimana lavorativa, con una retribuzione base, escludendo indennità, retribuzioni accessorie e anzianità, è di 1.853,23 €.

Per diventare DSGA tramite concorso, bisogna avere uno di questi titoli di studio:

– Laurea in Giurisprudenza,

– Laurea in Scienze politiche, sociali o amministrative;

– Laurea in Economia e commercio;

– Diploma di Laurea specialistica (LS 22, 64, 71, 84, 90 e 91) o Laurea Magistrale (LM) corrispondente a quelle specialistiche (ai sensi della tabella allegata al DI 9 luglio 2009).

Chi sostituisce il DSGA in caso di assenza?

In redazione spesso chiedono come viene sostituito il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi (DSGA) quando questo è assente.
La risposta viene si può ricavare dall’’art. 56, comma 4 del CCNL del 29.11.2007, in cui viene esplicitato che il DSGA, nei casi di assenza, deve essere sostituito dal coordinatore amministrativo e, nel caso di mancanza di quest’ultimo, a sostituire il direttore sarà l’assistente amministrativo con incarico conferito ai sensi dell’art. 47 del CCNL su citato, così come sostituito dall’art. 1 della sequenza contrattuale del personale ATA del 25.07.2008.

Lo stesso comma 4 dell’’art. 56, stabilisce che l’eventuale sostituzione del coordinatore o dell’assistente amministrativo  avviene secondo le vigenti disposizioni in materia di supplenze.

Tali disposizioni sono contenute nel D.M. n. 430 del 2000 Regolamento recante norme sulle modalità di conferimento delle supplenze al personale amministrativo, tecnico ed ausiliario ai sensi dell’articolo 4 della legge 3 maggio 1999, n. 124”.

Proprio per ricorrere in maniera cronica alla sostituzione del DSGA con personale amministrativo, negli ultimi anni si è diffuso il modello del personale ATA facente funzioni DSGA. E di conseguenza, come riportato in precedenza, il prossimo concorso vorrà dare valore a tale impegno, includendo fra i partecipanti tutti coloro che possono documentare almeno 36 mesi di servizio come ATA facenti funzione DSGA.