Home Personale Esame primo ciclo, cosa cambia? Le FAQ del Ministero

Esame primo ciclo, cosa cambia? Le FAQ del Ministero

CONDIVIDI

Dal 30 maggio è on-line il sito del Ministero dedicato agli esami di Stato 2022 del primo e del secondo ciclo.

Il portale è suddiviso in alcune sezioni navigabili: una di queste riguarda l’esame di terza media, con alcune FAQ che illustrano le principali novità per l’a.s. 2021/22.

Icotea

LA PAGINA DEL MINISTERO

Come si svolgerà l’esame

L’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione si svolge in presenza tra la fine delle lezioni e il 30 giugno 2022 (salvo diversa disposizione dovuta all’andamento della situazione epidemiologica).

Sono previste due prove scritte, una di Italiano e una sulle competenze logico-matematiche. Non sono previste prove scritte sulle lingue straniere.

Seguirà un colloquio volto a verificare anche le competenze per la lingua inglese, per la seconda lingua comunitaria e l’Educazione civica. Solo nella prova orale, per i candidati che non possono lasciare il proprio domicilio (condizione che andrà documentata), è prevista la possibilità della videoconferenza.

Per i percorsi a indirizzo musicale, ci sarà anche una prova pratica di strumento.

La votazione finale resta in decimi e può essere accompagnata dalla lode.

La partecipazione alle prove nazionali Invalsi, il cui svolgimento è previsto nelle settimane che precedono l’esame, non sarà requisito di accesso all’esame.

Normativa di riferimento

L’ordinanza 64 del 14 marzo 2022 definisce le modalità di svolgimento dell’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione per l’anno scolastico 2021/2022. L’ordinanza contiene anche indicazioni sull’esame di Stato per i percorsi di istruzione degli adulti di primo livello.

Le FAQ del Ministero

  1. Come sarà suddiviso l’esame del primo ciclo 2022? Quali sono le differenze rispetto all’esame pre pandemia?
    Tornano due prove scritte, accanto all’orale, e lo svolgimento in presenza. Tra i requisiti d’accesso non sono previste le prove Invalsi, inoltre non ci sono verifiche scritte sulle lingue straniere.
  2. Come si svolgerà l’esame?
    L’Esame si svolgerà in presenza, nel periodo compreso tra il termine delle lezioni e il 30 giugno 2022.
  3. Le prove si svolgeranno tutte in presenza?
    Per i due scritti è prevista la presenza, per l’orale – in caso di documentata necessità – ci sarà modo di collegarsi anche da remoto.
  4. In cosa consisteranno le prove scritte?
    La prima prova punta a verificare le “competenze di italiano o della lingua nella quale si svolge l’insegnamento”. Potrai scegliere tra tracce diverse:
    • un testo narrativo e descrittivo;
    • un testo argomentativo;
    • lettura e riassunto di un testo letterario, divulgativo o scientifico.
    La seconda prova scritta punta ad accertare le competenze logico-matematiche.
    Infine un colloquio, che verterà anche sulla lingua inglese, sulla seconda lingua comunitaria e sull’educazione civica. Per i percorsi a indirizzo musicale è previsto anche lo svolgimento di una prova pratica di strumento.
  5. Come si calcola il voto finale?
    Il voto è calcolato in decimi. L’esame è superato con un punteggio minimo di sei decimi.
    Il voto finale può essere accompagnato dalla lode.