Home Graduatorie Graduatorie terza fascia ATA, chi può presentare domanda per i diversi profili?

Graduatorie terza fascia ATA, chi può presentare domanda per i diversi profili?

CONDIVIDI
  • Credion

Possono presentare domanda per l’aggiornamento delle graduatorie di terza fascia del personale ATA per il triennio 2021/23 tutti i soggetti in possesso del titolo di studio previsto dall’O.M. 50/2021 all’art. 2 comma 5.

Possono anche presentare istanza gli aspiranti inclusi nelle graduatorie permanenti nel precedente triennio, a condizione che presentino la domanda di depennamento dalle graduatorie e/o elenchi a esaurimento e, contestualmente, presentino domanda di inserimento esclusivamente nelle graduatorie di circolo e d’istituto di 3° fascia di altra provincia.

Possono chiedere la conferma e/o l’aggiornamento tutti gli aspiranti già inseriti nelle graduatorie del precedente triennio, con i titoli che avevano dato diritto ad accedere nelle graduatorie di terza fascia.

Possono chiedere di essere inseriti nella graduatoria di terza fascia gli aspiranti che siano già inseriti nelle graduatorie provinciali permanenti previste dall’art. 554 del decreto L.vo 297 del 1994.

Possono presentare domanda di inclusione gli aspiranti che abbiano prestato almeno 30 giorni di servizio, in posti corrispondenti al profilo professionale richiesto in scuole statali o direttamente con gli Enti locali fino al 31.12. 1999 (gli enti locali fino a quella data fornivano il personale ATA).

Gli aspiranti già inclusi nella graduatoria di terza fascia che abbiano svolto almeno trenta giorni di servizio relativamente al profilo di assistente tecnico conservano il diritto ad accedere esclusivamente alle aree di precedente inclusione o del relativo servizio. Se gli stessi volessero partecipare alle graduatorie degli altri profili devono essere in possesso del diploma di maturità.

La playlist con tutte le guide

Inoltre, possono presentare domanda:

  • gli aspiranti che abbiano conseguito all’estero il titolo richiesto per l’accesso e sia riconosciuto equipollente in Italia
  • gli aspiranti che abbiano conseguito i titoli di studio richiesti all’estero e che abbiano presentato domanda di riconoscimento entro il termine di presentazione della domanda (22 aprile 2021)
  • gli aspiranti in possesso dell’attestato di qualifica rilasciato ai sensi dell’art. 14 della legge 21 dicembre del 1978, n. 845, validi per l’accesso ai profili professionali del personale ATA, congiuntamente al diploma di istruzione secondaria di primo grado (nota E delle avvertenze allegate all’O.M).

Oltre ai requisiti suddetti, gli aspiranti devono essere in possesso:

  • di un’età non inferiore ai 18 anni e non superiore ai 67 anni;
  • di godimento dei diritti civili e politici;
  • di una posizione regolare nei confronti del servizio di leva al quale il candidato sia stato eventualmente chiamato;
  • della cittadinanza italiana.

Possono partecipare, purché conoscano la lingua italiana, gli aspiranti in possesso:

  • della cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;
  • titolari di Carta Blu UE;
  • familiari di cittadini italiani.

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook