Green pass, le regole per il personale scolastico

CONDIVIDI

La recente legge 133/2021, di conversione del D.L. 111/2021, ha apportato alcune modifiche al D.L. 52/2021.

Per quanto riguarda nello specifico il Green pass a scuola, una recente nota del Ministero dell’Istruzione ha riepilogato le principali novità introdotte dalla legge 133/2021.

Icotea

SCARICA LA NOTA

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 6 agosto 2021, n. 111 e della LEGGE DI CONVERSIONE 24 settembre 2021, n. 133

Secondo le norme vigenti, fino al 31 dicembre 2021 tutto il personale della scuola deve possedere ed esibire la certificazione verde COVID-19.

L’obbligo non si applica ai soggetti che, sulla base di idonea certificazione medica e in conformità alle indicazioni del Ministero della Salute, siano esenti dalla campagna vaccinale.

L’inadempimento dell’obbligo è considerato assenza ingiustificata e non sono corrisposti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominato.

Dal quinto giorno di assenza ingiustificata il rapporto di lavoro è sospeso fino al conseguimento del Green pass da parte del “sospeso” e alla scadenza del contratto di supplenza stipulato con il sostituto di durata non superiore ai quindici giorni. La sospensione non è qualificabile come sanzione disciplinare.

Non sono più previste sanzioni amministrative pecuniarie a carico del personale scolastico sprovvisto di certificazione verde.

Nel video riepiloghiamo i principali aspetti che riguardano il Green pass per il personale scolastico.