Home Archivio storico 1998-2013 Concorso Dirigenti Il concorso a ds e il Regno delle Due Sicilie

Il concorso a ds e il Regno delle Due Sicilie

CONDIVIDI
  • Credion

Oggi nel concorso per Dirigenti scolastici Napoli e Palermo si contrappongono nei risultati percentuali degli ammessi alle prove orali. In Campania è stato ammesso all’orale circa il 52% dei partecipanti alle prove scritte, ovvero 959 docenti, tra i quali 103 ammessi con riserva, in quanto gli stessi non avevano superato la prova preselettiva e sono stati ammessi agli scritti solo attraverso con un decreto monocratico del TAR Campania la sera del 13/12/2011. In seguito, lo stesso TAR Campania si è dichiarato incompetente sulla sospensiva concessa ai 103 aspiranti DS, ma a oggi l’USR Campania ancora non li ha cancellati dall’elenco.
In Sicilia invece tutta un’altra storia, la selezione è stata netta, solo il 27% dei candidati è stato ammesso alle successive prove orali, in altre parole su 971 partecipanti agli scritti 260 sono stati promossi e 711 bocciati.
Il confronto dei numeri e delle percentuali tra Campania e Sicilia la dice lunga sull’omogeneità dei criteri valutativi adottati in quello che fu il Regno delle Due Sicilie.