Home Generale Il “De Amicis” di Floridia (SR) “Promotore di cultura”

Il “De Amicis” di Floridia (SR) “Promotore di cultura”

CONDIVIDI
  • Credion

Al Primo Istituto “De Amicis” di Floridia è stato assegnato, nei giorni scorsi al Lido Di Naxos, il premio “Promotori della cultura”, un prestigioso riconoscimento conferito da Naxoslegge 2021, promosso dalla Direttrice artistica di Naxos Legge e divulgatrice culturale, Fulvia Toscano, che premia personalità, festival, enti e progetti che arricchiscono con i loro contributi il mondo della promozione culturale e artistica.

Il riconoscimento, consegnato nelle mani del preside Giorgio Agnellino, si riferisce al progetto “RispondiAmo per le Rime”, che ha vinto il “Premio nazionale per il libro e la lettura”, in occasione della decima edizione de “Il Maggio dei libri”.

Icotea

Il Premio, come è noto, è stato istituito dal Ministero della Cultura per promuovere la lettura e ideato dal Centro per il libro e la cultura, coinvolgendo, tra il 23 aprile e il 31 maggio di quest’anno, quasi 4 milioni di studenti in Italia e all’estero, attraverso le oltre 9 mila attività proposte da scuole, biblioteche associazioni culturali carceri e librerie.

Nell’anno dedicato alle celebrazioni per il 700° anniversario della sua morte, Il Maggio dei Libri ha celebrato Dante Alighieri declinando l’amore, uno dei temi cardine della sua produzione, in tre filoni ispirati ad alcuni dei più celebri versi: “Amor… ch’a nullo amato amar perdona“, “Amor… che ne la mente mi ragiona” e “Amor… che move il sole e l’altre stelle“.

E il “De Amicis” di Floridia ha partecipato con la Challenge in versi per alunni e docenti “RispondiAMO per le Rime”, partendo dall’idea che “dentro un libro, anche di poesie, c’è tutta la vita di ognuno di noi: fantasia, realtà, allegria, conforto, commozione, conoscenza, evasione. Ogni parola, ogni frase, ogni frammento trovano il proprio posto, magicamente, per creare un perfetto intreccio di fili, un tappeto volante, che conduce in un altrove imprevedibile.

“Dentro un libro ci siamo noi, con i nostri ragazzi e il nostro entusiasmo, c’è l’amore altruista per questo lavoro, che non è più lavoro, ma altro… è quell’affetto profondo e autentico che può legare le persone, è rara solidarietà, è gioiosa complicità, è la forza di rinascere sempre attraverso lo scambio.”

Un traguardo, quello del “Premio Nazionale per il libro e la lettura” che giustamente riempie di orgoglio tutta la scuola, dai docenti, alla dirigenza agli alunni, nella convinzione, appunto, che, in epoca di pandemia e dunque di chiusura e isolamento, l’unica via di fuga verso nuove emozioni sia proprio la poesia, la più sublime tra le arti, anche perché racchiude in sé musica, versi e pittura. 

Al prestigioso riconoscimento nazionale, ora si aggiunge anche quello di Naxoslegge che sembra pure un invito a percorrere ancora questa strada “lastricata di amore per i libri e percorsa sempre tutti insieme, docenti e alunni, i veri protagonisti di questi successi”.