Home Generale Il liceo “Vinci” si apre al “MIT” e riceve la visita del...

Il liceo “Vinci” si apre al “MIT” e riceve la visita del ministro Carrozza

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il liceo scientifico “Vinci” è uno dei dieci licei in Italia individuato dal Miur, di concerto con i responsabili del M.I.T. (Massachusetts Institute of Technology di Cambridge USA), ad accogliere per l’anno scolastico 2013/2014, un tirocinante statunitense dell’Università MIT, nell’ambito di un’iniziativa di cooperazione educativa Highlights for High Schools in Italy, avviata dalla Direzione generale per gli Affari Internazionali del MIUR in collaborazione con il MIT attraverso il programma “Global Teaching Labs”.
Il tirocinante statunitense, Cody Diaz, dovrà svolgere, presso il liceo da Vinci, attività didattica frontale dal 7 al 29 gennaio 2014 in lingua inglese, affiancando docenti curricolari per un monte ore settimanale non inferiore a 18 ore, distribuite su non più di quattro classi quarte individuate tra le sezioni del liceo, per un periodo complessivo di tre settimane.
Le attività riguarderanno prevalentemente le discipline di Fisica, Chimica, Matematica e Biologia. Tutor interno, indicato al Miur, è la prof.ssa Maria Luisa Fiore, docente di Matematica e Fisica del liceo, con competenze in lingua inglese.
Una delle ricadute del programma sarà la creazione di materiali multimediali di supporto alle lezioni traendo ispirazione dalle piattaforme messe a disposizione dal MIT e utilizzate dai propri studenti.
Nella selezione dei licei sono state considerate le iniziative di eccellenza nell’ambito dell’insegnamento scientifico e le qualità organizzativo-manageriali degli istituti. Il liceo guidato dalla preside Princi, si è distinto particolarmente negli ultimi anni sia per quanto riguarda la didattica, grazie a delle eccellenti direzioni di dipartimento, sia per quanto riguarda l’organizzazione del lavoro e della progettualità.
Un eccellente lavoro di squadra che riesce con armonia e sincronismo a lavorare, produrre e soprattutto raggiungere risultati lusinghieri. Non è un caso se una studentessa del “Vinci” di Reggio Calabria, Federica Surace, è salita recentemente sul podio internazionale delle olimpiadi di Fisica a Tallinn in Estonia. Infatti in questo liceo del profondo Sud, si tengono con il supporto dei docenti interni, corsi di preparazione per le olimpiadi di fisica e di matematica, riservati alle eccellenze della scuola.
Inoltre è stato attivato, con risorse del fondo d’Istituto, un corso di biomedicina, e si sta lavorando per ampliare l’offerta formativa con altri interessanti progetti che si interfacciano con alcune realtà del territorio.
Al liceo scientifico “Vinci” di Reggio Calabria, afferma la dirigente Princi, si attua una didattica attenta sia alla cura delle eccellenze, sia al sostegno delle criticità, in modo che gli studenti possano utilizzare al meglio le competenze acquisite, per il loro percorso universitario e quindi lavorativo. Sarà anche per questi motivi che, da un’interessante indagine della università Bocconi sullo stato dell’arte nella scuola italiana, il liceo scientifico “Leonardo da Vinci” di Reggio Calabria, è risultato essere tra le migliori cento scuole europee. Adesso il liceo “Vinci” riceverà, martedì 14 gennaio, la visita del ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza, che sarà presente a Reggio Calabria per conferire a Salvatore Settis la laurea honoris causa in architettura.
Nella circostanza il Ministro, assisterà, con la partecipazione dell’autrice, alla presentazione del libro “Ad alta quota” di Lella Golfo, Presidente della Fondazione Marisa Bellisario, a cura degli studenti del liceo, incontrando, successivamente, i dirigenti scolastici della Regione Calabria. Questa visita rappresenta la coronazione di un lavoro progettuale che ha aperto, in un territorio molto chiuso e problematico, il “Vinci” di Reggio Calabria al mondo, con l’iniziativa di cooperazione educativa Highlights for High Schools in Italy in collaborazione con il MIT.

Preparazione concorso ordinario inglese