Home Personale Impronte digitali presidi: la vicenda si complica

Impronte digitali presidi: la vicenda si complica [VIDEO]

CONDIVIDI
  • Credion

Il disegno di legge “Concretezza”, che contiene le misure sui controlli biometrici per i dipendenti pubblici, è stato approvato nei giorni scorsi dalla Camera.
Al momento attuale i controlli verrebbero effettuati su Ata e dirigenti scolastici.
Il M5S, però, sta dicendo di essere contrario al provvedimento, nonostante che fino ad ora abbia sempre votato a favore nel primo passaggio al Senato e in aula alla Camera.
Quindi c’è molta attesa per capire cosa accadrà nei prossimi giorni quando il ddl tornerà al Senato per il voto.
Se dovessero essere introdotte modifiche escludendo ds e Ata dai controlli, il provvedimento tornerebbe nuovamente alla Camera.
Tutto legittimo dal punto di vista dei regolamenti ma certamente si porrebbe un problema politico fra Lega e Movimento.

LEGGI ANCHE

Icotea
Impronte digitali per i Ds: “guerra fredda” tra dipendenti e Ministero
Impronte digitali presidi e Ata, le vuole solo la Lega. M5S: siamo stati sempre contrari. Pd: allora votate contro
Impronte digitali: controllo obbligatorio per i ds ma non per i vicepresidi
Impronte digitali, Giannelli (Anp): nonsenso assoluto, i presidi non hanno orario di lavoro [INTERVISTA]