Home Alunni Intercultura, arrivano anche le borse di aziende, fondazioni e il programma Itaca...

Intercultura, arrivano anche le borse di aziende, fondazioni e il programma Itaca di Inps

CONDIVIDI

A fine luglio abbiamo dato notizia del nuovo bando di concorso per i programmi di Intercultura, che mette a disposizione complessivamente più di 2.000 posti per programmi di studio all’estero (scolastici ed estivi) con partenza dall’estate 2019.

I programmi scolastici, rivolti prioritariamente a studenti nati tra il 1° luglio 2001 e il 31 agosto 2004, sono a concorso, per cui per  parteciparvi i candidati devono sostenere un percorso di selezione per valutare l’idoneità del giovane a partecipare ad un programma interculturale, in una famiglia, una scuola e una comunità sociale di un altro Paese.

Intercultura valuta anche i risultati scolastici dell’anno in corso e degli ultimi due anni (la maggior parte delle scuole all’estero non accetta la candidatura di studenti che negli ultimi due anni scolastici abbiano riportato bocciature e/o debiti significativi).

ICOTEA_19_dentro articolo

Per iscriversi alle selezioni è sufficiente collegarsi alla pagina www.intercultura.it/iscriviti e compilare il modulo di iscrizione online. È richiesto il pagamento della quota di iscrizione di 50 euro (che non verrà rimborsata in nessun caso) mediante versamento su conto corrente postale (c/c n° 1014038770) o pagamento con carta di credito.

Le iscrizioni apriranno il 1° settembre 2018 e dovranno pervenire entro il 10 novembre 2018.

Borse di studio offerte da sponsor esterni

Oltre al bando con borse di studio offerte direttamente dall’Associazione, sono già molto numerose le borse di studio offerte anche da sponsor esterni.

Infatti, nelle ultime settimane l’offerta di Intercultura si è arricchita di altre 200 borse di studio offerte da Aziende, Fondazioni, Istituti di Credito, Enti Pubblici e privati cittadini.

Programma ITACA

A queste deve aggiungersi il bando di concorso del programma ITACA 2019 di INPS per l’anno scolastico 2019/2020 (leggi notizia). Si tratta di 1.500 borse di studio per la partecipazione a programmi scolastici all’estero annuali, semestrali e trimestrali riservate a figli dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione. I programmi di Intercultura sono conformi ai requisiti del bando del programma ITACA di INPS.

Intercultura garantisce tutti i servizi previsti dal bando (che non è in esclusiva per Intercultura) e offre in aggiunta il percorso di formazione prima, durante e dopo il soggiorno all’estero, l’assistenza prima, durante e dopo il soggiorno all’estero e la certificazione delle competenze acquisite dagli studenti nell’intero percorso (per info www.intercultura.it/itaca).

Riconoscimento del perioso trascorso all’estero

Gli studenti che frequentano all’estero l’intero anno scolastico potranno accedere alla classe successiva senza ripetere l’anno. Con nota 843/2013 il Miur ha infatti chiarito che le esperienze di studio all’estero sono “parte integrante dei percorsi di formazione e di istruzione” e che sono “valide per la riammissione nell’istituto di provenienza”.

Alternanza scuola-lavoro

Inoltre, le esperienze di studio all’estero sono equiparate ai progetti di Alternanza Scuola Lavoro (nota MIUR 3355 del 28/3/2017).

Per il riconoscimento contano le competenze acquisite e il parere del Consiglio di Classe.

In proposito, al fine di fornire alla scuola gli elementi per valutare l’intero percorso seguito dallo studente, l’associazione fornirà al termine di ogni fase del programma la certificazione delle competenze acquisite (https://www.intercultura.it/studenti/fasi-del-programma/) calcolate in: 30 ore per aver partecipato alle selezioni; 40 ore per la formazione prepartenza che i volontari forniscono a tutti i vincitori del concorso di Intercultura; fino a 80 ore per il soggiorno all’estero e fino a 15 ore per la formazione al rientro.