Home Archivio storico 1998-2013 Generico L’alunno soffre d’asma? La colpa può essere del traffico vicino casa

L’alunno soffre d’asma? La colpa può essere del traffico vicino casa

CONDIVIDI
webaccademia 2020
Quando si scopre che fino al 41% delle patologie respiratorie sono attribuibili ai fattori ambientali sarebbe il caso, probabilmente, di interrogarci quale prezzo occorre pagare per imporre il benessere moderno, incentrato su consumi e inquinamento di ogni genere. Il dato è emerso dall’indagine epidemiologica condotta dall’Istituto di biomedicina e immunologia molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche di Palermo (Ibim-Cnr) sulla base di un finanziamento erogato da Arpa Sicilia, appena pubblicata sulla rivista scientifica Pediatric Allergy and Immunology: quel che preoccupa è che quasi un ragazzo palermitano su quattro soffre di rinite allergica e congiuntivite e oltre un terzo di allergie; 56 su cento dichiarano di essere esposti al fumo domestico; il 21,1% lamenta l’intenso traffico pesante attorno alla propria abitazione e il 15% dichiara la presenza di muffe o umidità nella propria camera da letto.
Nella ricerca sono stati coinvolti 2.150 studenti di 16 scuole medie secondarie di primo grado del capoluogo siciliano, di età compresa fra gli 11 e i 14 anni. “I soggetti sono stati indagati mediante questionari di salute respiratoria, test allergici cutanei e spirometria – ha spiegato Giovanni Viegi, direttore dell’Ibim-Cnr – . Dalla valutazione delle risposte è risultata una prevalenza di asma corrente del 4,2% e di rinocongiuntivite del 17,9%, mentre il restante 77.9% dei soggetti era asintomatico. La prevalenza di sensibilizzazione allergica, ossia la risposta positiva ad almeno uno degli 8 allergeni utilizzati per l’esecuzione del test allergico, è stata del 39,2%”.
Quel che fa pensare è che anche se a Palermo non vi sono rilevanti insediamenti industriali, questi dati si possono allineare con quelli dei maggiori centri urbani italiani e delle maggiori città del Nord d’Italia. Va inoltre osservato come tali valori, di prevalenza rilevati nell’anno scolastico 2005-2006, siano in crescita rispetto a quelli rilevati sempre nel capoluogo siciliano e sulla medesima fascia di età nell’anno 2002, nell’ambito dello studio epidemiologico italiano SIDRIA2 (+0,7% annuo per l’asma e +2,2%/anno per la rinocongiuntivite). Secondo Viegi la conclusione è semplice: “la presenza di traffico intenso intorno alla propria abitazione – ha sottolineato il direttore dell’Ibim-Cnr – è risultato fattore di rischio significativo in particolare per asma corrente, rinocongiuntivite e ridotta funzione respiratoria rispetto a chi non riferiva traffico vicino casa”.
Dai dati è stato possibile calcolare il Par (population attributable risk – rischio attribuibile di popolazione), ovvero la proporzione di una malattia dovuta all’esposizione a fattori di rischio e che potrebbe essere dunque eliminata se tale esposizione fosse evitata. Il Par complessivamente dovuto a fattori ambientali evitabili, come esposizione a fumo di sigaretta, presenza di umidità o muffe nell’ambito domestico ed esposizione a traffico veicolare pesante attorno alla propria abitazione, è risultato del 40,8% per l’asma corrente, del 33,6% per la rinocongiuntivite e del 14,1% per la ridotta funzione respiratoria. Insomma, tutto torna. Meno la volontà a fare un passo indietro. Per la nostra salute e quella dei nostri figli.
CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese