Home Personale Legge di bilancio. Bernocchi (Cobas): non c’è nulla per il precariato

Legge di bilancio. Bernocchi (Cobas): non c’è nulla per il precariato

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Pesanti critiche alle disposizioni in materia di istruzione contenute nella legge di bilancio arrivano da Piero Bernocchi, portavoce nazionale dei Cobas.

Bernocchi: bene abolizione della chiamata diretta…

“Il comma 792 dell’art. ella legge di bilancio – afferma Bernocchi – accanto a disposizioni positive come l’abolizione della titolarità di ambito, la riduzione del percorso di formazione iniziale e prova ad un solo anno (ammesso che in tale anno ci sia davvero spazio per la formazione…) e la possibilità di ripetere, per una volta, il suddetto percorso in caso di non superamento dello stesso, contiene provvedimenti inaccettabili per i docenti precari non abilitati che da anni reggono le sorti della scuola pubblica”.

…. male per tutto il resto

“Il Governo – spiega il portavoce Cobas – ha deciso di non bandire il già insufficiente concorso riservato, previsto dal d.lgs. n. 59/2017 per i docenti non abilitati con tre anni scolastici di servizio, ai cui vincitori, a partire dall’a.s. 2020/2021 e attraverso un complicato calcolo di ripartizione, sarebbe spettato circa il 20% delle immissioni in ruolo. L’intenzione è quella di riservare a questi stessi docenti il 10% dei posti previsti per il concorso ordinario, cui – solo per la prima tornata – potranno accedere senza il requisito dei 24 cfu, ma essendo comunque tenuti a svolgere tutte le prove”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Le proposte per il precariato

Per risolvere l’ormai decennale problema del precariato, sarebbero necessarie, a parere dei Cobas, diverse misure che, inevitabilmente, richiedono un impiego consistente di risorse:
• concorso non selettivo che consenta l’accesso diretto al percorso annuale di formazione iniziale e prova a tutti i precari di terza fascia con almeno tre anni scolastici di servizio;
• inserimento in Gae di tutti gli abilitati e di tutti i precari di terza fascia con almeno tre anni scolastici di servizio, previo conseguimento dell’abilitazione attraverso un corso gratuito (a carico dello Stato) e non selettivo;
• assunzione a tempo indeterminato su tutti i posti in organico di diritto e in organico di fatto;
• conservazione del sistema del doppio canale (50% da GM e 50% da GaE) almeno fino all’assunzione a tempo indeterminato di tutti i precari della scuola.
Anche per le graduatorie di terza fascia Bernocchi ha una sua proposta: si tratta di riaprirle e aggiornarle nel 2020 in modo da evitare il protrarsi del continuo ricorso alla “chiamata diretta dei supplenti” tramite messa a disposizione.
Inoltre, secondo Bernocchii, tali graduatorie andrebbero trasformate in graduatorie provinciali, valide per l’assegnazione delle supplenze; una volta raggiunti i 3 anni scolastici di servizio, i docenti di terza fascia andrebbero inseriti in Gae, “previo il conseguimento dell’abilitazione attraverso un corso gratuito (a carico dello Stato) e non selettivo”.

Preparazione concorso ordinario inglese