Home Personale Lettera a Mattarella a favore del prof che fece pipì sul cespuglio

Lettera a Mattarella a favore del prof che fece pipì sul cespuglio

CONDIVIDI

Si sta mettendo in moto una vera mobilitazione per il reintegro al liceo linguistico Falcone di Bergamo, di Stefano Rho, il professore 43enne, che il 27 gennaio è stato licenziato per non aver dichiarato la multa di 200 euro che gli era stata comminata la sera di Ferragosto di 11 anni fa per essere stato sorpreso dai carabinieri a fare pipì in un cespuglio ad Averara, dove aveva preso parte ad una sagra.

E così dopo tante lettere ora ne è partita una al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, scritta dagli studenti del prof Rho: “Lei, dott. Sergio Mattarella è il Presidente di tutti, un punto di riferimento anche nostro, studenti dell’Istituto linguistico “Giovanni Falcone” di Bergamo. Già, intitolazione importante…  Uomo dello Stato, di Legalità, della Giustizia. Mai intitolazione ad una Scuola è stata più appropriata di questa, quasi un ritorno storico come se qualcuno  – da lassù –   avesse voluto far incrociare la storia di un eroe con noi e legarla a quella del nostro  insegnante di Filosofia prof Stefano Rho, del quale certamente conoscerà  l’incredibile vicenda”. E spiegano: “Licenziato per una pipì nel cespuglio di 11 anni fa, tanto antica quanto deflagrante  oggi. Un vero e proprio gesto criminale, degno di essere sanzionato con  l’allontanamento dall’insegnamento, strappato a noi allievi, scippato della sua dignità di uomo , padre e marito, senza la possibilità di dare sostentamento alla  propria famiglia. Siamo feriti quanto lui, persona stupenda che da subito ha travalicato il ruolo di  insegnante per porsi a noi come maestro di vita”.

Icotea

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

“Noi vogliamo riavere subito il nostro prof Rho – continuano dall’Istituto – riappropriarci delle sue ore di lezione,  vere e proprie lezioni di vita. Con questa consapevolezza ci rivolgiamo a Lei. Spesso, noi giovani, siamo al centro dei suoi discorsi pubblici ma troppo spesso ci  confrontiamo con una realtà ben diversa da quella che Lei auspica per noi.  Ci ha spronato ad essere protagonisti del nostro futuro con un presente d’impegno,  studio e responsabilità, ci ha invitato ad essere partecipi di questa società per  condividerne i valori e gli insegnamenti migliori. Certo, noi ci siamo. Non ci tiriamo indietro ma vogliamo contare.  Anche se gli adulti spesso ci confezionano esempi che vanno nel segno opposto. E  non ci riferiamo solo ai fatti negativi di cronaca quotidiana ma anche ai disvalori che  certo mondo politico manda, quello che legifera e norma la vita di tutti. Politici  pronti ad indignarsi di fatti creati dai loro stessi errori e che non sono poi in grado di   gestire né di risolverli. Come nel caso del nostro prof. L’ impotenza di altri non è la nostra e le circostanze impongono soluzioni rapide. Le chiediamo d’incontrarci per parlarne e confrontarci con Lei. Non ci deluda”.