Home Personale L’Università assume 4mila nuovi ricercatori, Fedeli: arrivano dopo anni di tagli

L’Università assume 4mila nuovi ricercatori, Fedeli: arrivano dopo anni di tagli

CONDIVIDI

L’Università italiana si appresta ad assumere 4mila nuovi ricercatori. Lo ha detto il 2 febbraio la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, nel corso dell’inaugurazione dell’anno accademico 2017/2018 dell’Università del Piemonte Orientale, svolta al teatro Civico di Vercelli.

Un massiccio piano di stabilizzazioni

“Dopo anni di tagli – ha detto la Fedeli -, grazie ad un complesso piano di reclutamento di ricercatori, e grazie alle misure inserite nella nuova legge di Bilancio, vediamo l’ingresso di complessivi 4000 ricercatori, che si aggiungeranno al piano delle stabilizzazioni degli enti di ricerca. Si tratta dell’ingresso più massiccio che non si è mai registrato negli anni, e questo credo che sia un segno della direzione che bisogna continuare a perseguire in modo strutturale”.

Icotea

Per la ministra Fedeli era quello che serviva

“La direzione è questa – ha proseguito la ministra -; è una risposta vera alla diminuzione delle risorse umane nel mondo della ricerca. Questo è un asse strategico fondamentale, anche perché concettualmente investire sul settore universitario e sulla ricerca è necessario a questo Paese, se vuole costruire una società e un’economia della conoscenza; diversamente non potremmo essere nelle condizioni di fare e creare questa società. Attenzione particolare va data al capitale umano”, ha concluso la responsabile del Miur.