Home Attualità Maturità 2019, ecco quando si svolgeranno le altre simulazioni

Maturità 2019, ecco quando si svolgeranno le altre simulazioni

CONDIVIDI

Le prime simulazioni previste dal Ministero dell’Istruzione sono state già pubblicate: infatti, si è tenuta il 19 febbraio la pubblicazione della simulazione riguardante la prima prova, mentre il 28 febbraio, sono state pubblicate le tracce della seconda prova. Tuttavia, per gli studenti le simulazioni non sono concluse.

Il 26 marzo la prima prova e il 2 aprile la seconda

Infatti, come previsto dalla circolare ministeriale, si svolgeranno in totale quattro simulazioni alle prove scritte dell’esame di Stato 2019. Le altre due date, come prevede il calendario pubblicato dal Miur, sono:

  • 26 marzo: simulazione della prima prova
  • 2 aprile: simulazione della seconda prova

Anche per quanto riguarda quelle giornate, le tracce saranno pubblicate sul sito del MIUR alle ore 8.30 dei giorni previsti, nella sezione “Esami di Stato”. Pertanto al mattino e tutte in contemporanea, come avviene durante le prove vere e proprie.

ICOTEA_19_dentro articolo

Le scuole, nell’ambito della loro autonomia, potranno utilizzare i materiali proposti sia in modalità “simulazione”, nello stesso giorno della pubblicazione, sia assegnando i testi durante l’ordinaria attività didattica.

Le tracce saranno elaborate rispettando le caratteristiche e la struttura definite dai quadri di riferimento pubblicati sul sito del MIUR a novembre (https://bit.ly/2TJvESX).

Per gli istituti professionali, la traccia proposta farà riferimento esclusivamente alla prima parte in cui è strutturata la stessa: la seconda, come previsto dalla norma, sarà elaborata dalla commissione durante lo svolgimento dell’Esame. Nei giorni successivi alla pubblicazione degli esempi di prove, sarà poi effettuata, su un campione significativo di scuole, un’indagine che servirà a raccogliere riscontri sulla coerenza delle tracce proposte rispetto ai quadri di riferimento, alle Indicazioni nazionali e alle Linee guida.

L’indagine avrà l’obiettivo di verificare l’andamento delle simulazioni per poter disporre di elementi utili a garantire una ottimale preparazione delle tracce di Esame.

Gli esempi delle prove

Gli esempi di prove si riferiscono, specifica il Miur, ad alcuni degli indirizzi più diffusi dell’istruzione liceale e dell’istruzione tecnica e professionale. Si tratta sia di prove mono-disciplinari, sia di prove che coinvolgono più discipline caratterizzanti gli indirizzi di studio.

SCARICA GLI ESEMPI QUI

Ci saranno ancora errori?

L’auspicio è che le prossime simulazioni siano maggiormente curate rispetto alle precedenti: infatti, sono stati riscontrati errori nei testi, alcuni più gravi di altri, che se dovessero verificarsi il giorno dell’esame di Stato vero e proprio, avrebbe dell’incredibile.
Ricordiamo, infatti, che per la prima prova, una delle tracce della simulazione, prevedeva un errore grave della traduzione di Tacito.
Anche la versione di latino della simulazione della seconda prova, ha riservato una spiacevole sorpresa (negativa) da matita blu, come abbiamo fatto notare in precedenza.

 

Tutto sulla maturità (clicca qui)

Le novità della maturità

LEGGI ANCHE

Maturità 2019, seconda prova: un esempio di griglia di valutazione [PDF]
Maturità 2019, prima prova: un esempio di griglia di valutazione [PDF]
Maturità 2019, cambiano le prove, ma non i compensi alle commissioni
Maturità 2019, i divieti di nomina per presidenti e commissari
Maturità 2019, cambiano i criteri di nomina per presidenti e commissari
Maturità 2019, il nuovo esame spaventa i ragazzi: “Si può comprare il diploma con il bonus?”
Maturità 2019, scopri la seconda prova che ci sarà nella tua scuola
Maturità 2019, da febbraio al via le simulazioni delle prove scritte
Maturità 2019, latino e greco per la seconda prova del liceo classico
Maturità 2019, così cambia l’orale. Tutte le info
Maturità 2019, matematica e fisica per la seconda prova del liceo scientifico
Maturità 2019, il credito scolastico va indicato già a fine quadrimestre
Maturità, tutte le novità con la guida della Tecnica della Scuola [VIDEO]