Home Alunni “Maturità al sicuro”, la polizia contro le bufale

“Maturità al sicuro”, la polizia contro le bufale

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Secondo una ricerca di Skuola.net per la Polizia di Stato, su un campione di circa 3.000 studenti del quinto anno, risulta che 1 su 5 crede di poter trovare su internet le tracce delle prove d’esame e altrettanti sono convinti che la Polizia controlli i telefonini degli studenti per scoprire chi sta copiando.

La Polizia

E allora la Polizia Postale e delle Comunicazioni si appresta a lanciare la campagna di sensibilizzazione “Maturità al sicuro”, con l’obiettivo di debellare il fenomeno delle fake news, bufale e leggende metropolitane ed evitare che gli studenti possano perfino  rimetterci del denaro alla ricerca della “soffiata giusta”.

Le bufale

Tuttavia dal 2014 ad oggi questo fenomeno, quello cioè di credere a panzane di tale natura, pare sia diminuito: prima, infatti il rapporto era di 1 su 3 ad essere convinto di poter conoscere le tracce d’esame in anticipo su internet.

ICOTEA_19_dentro articolo

False credenze

Purtroppo, secondo quanto riporta Ansa,  le false credenze non terminano qui: il 48%, teme di poter essere “perquisito” dai professori di commissione e circa il 18% crede che la scuola sarà “schermata” per impedire ai cellulari di connettersi ad internet.

Non meno rilevante il dato di quel 12% dei maturandi che, invece, si aspetta di trovare commissari d’esame dotati di strani dispositivi di rilevamento magnetico per i cellulari.

Il video  

Preparazione concorso ordinario inglese