Home Attualità Messa a disposizione e sostegno: domanda in una sola provincia o in...

Messa a disposizione e sostegno: domanda in una sola provincia o in più province?

CONDIVIDI
webaccademia 2020

La Mad può essere presentata in una sola provincia o in più province? Dipende se si concorre sui posti comuni o su un posto di sostegno per il quale si sia specializzati.

Ma procediamo con ordine. La normativa sulla messa a disposizione dà l’opportunità agli aspiranti supplenti di inviare domanda ai Dirigenti Scolastici per ricevere un incarico a copertura di una cattedra vuota.

Ricordiamo che con nota del 4 novembre, il M.I., a ragione di una carenza di supplenti, in deroga alle disposizioni della nota del 5 settembre n. 26841, ha previsto la possibilità solo per l’a.s. 2020/21 di consentire la candidatura anche ai docenti inseriti nelle GAE, nelle due fasce delle GPS e nelle GI di prima, seconda e terza fascia.

ICOTEA_19_dentro articolo

E per quanto riguarda i docenti di sostegno?

docenti di sostegno specializzati possono presentare la domanda di messa a disposizione in una sola provincia. Al contrario, i docenti non specializzati sul sostegno, ma che volessero candidarsi sui posti di sostegno, potranno presentare domanda in qualunque scuola e in qualunque provincia, senza alcun vincolo, come nel caso delle candidature sui posti comuni.

Ordine di conferimento della supplenza

La domanda è inviata al dirigente scolastico da tutti gli aspiranti a supplenza in possesso dell’abilitazione all’insegnamento o del titolo di studio valido o che sta per conseguire un titolo di studio valido.

L’ordine di conferimento della supplenza al docente che ha presentato una domanda di messa a disposizione potrebbe essere il seguente:

  • a) Abilitato in possesso dei 24 CFU;
  • b) Abilitato;
  • c) Non Abilitato in possesso di titolo di studio valido con 24 CFU
  • d) Non Abilitato in possesso di studio valido, 
  • e) Docente non ancora in possesso di titolo di studio valido.

Come presentare la Messa a disposizione

La domanda di Messa a disposizione (MAD) deve essere redatta in modo formale e contenere i dati importanti del docente e può essere inviata alle scuole.

Su www.messa-a-disposizione.it trovi tutte le informazioni utili per redigere in maniera corretta e professionale la tua candidatura, anche per i posti di sostegno.

MAD Online è l’unico servizio italiano che ti permette di provare gratuitamente quanto offre per 15 giorni e per generare fino a 10 candidature.

Se sarai soddisfatto della tua prova, potrai scegliere se abbonarti: con un investimento di poche decine di euro potrai inviare singolarmente le tue domande in tutte le scuole d’Italia statali, oltre 10.000 paritarie e le scuole italiane all’estero per l’intero anno scolastico sia per il sostegno che per le tue classi di concorso e posti ATA.

Puoi contattare lo staff di Scuola Web Italia, la società che ha ideato la piattaforma, per avere assistenza tramite chat, telefono, e-mail e gruppo Facebook.

Iscriviti gratuitamente e senza impegno su www.messa-a-disposizione.it, la piattaforma più economica, sicura e trasparente, e candidati in tutte le scuole di tuo interesse.

La domanda, per essere valida, deve essere inoltrata presso la sede dove è presente il dirigente scolastico e non alle sedi succursali o distaccate in cui lo stesso è reggente.

Inoltre, per scrivere una MAD efficace, è bene indicare con precisione i dati anagrafici, i titoli conseguiti e le esperienze eventuali maturate a scuola, oltre ad indicare la classe di concorso.

Consigliamo sempre di allegare alla MAD un CV formato europeo più altre eventuali certificazioni.

Pubbliredazionale

Preparazione concorso ordinario inglese