Home Personale Mobilità 2018/2019, già in linea alcune notifiche dell’infanzia

Mobilità 2018/2019, già in linea alcune notifiche dell’infanzia

CONDIVIDI

È importante segnalare che negli archivi delle Istanze online del Miur sono già state inserite alcune notifiche di convalida della domanda di mobilità territoriale o passaggio di ruolo della scuola dell’infanzia.

VALUTAZIONE DELLE DOMANDE DI MOBILITA’ 2018-2019

In questo atto di notifica c’è scritto come oggetto: “TRASFERIMENTO/PASSAGGIO DI RUOLO PER LA SCUOLA DELL’INFANZIA”, di seguito è riportata la seguente dicitura: ”AI FINI DELLA VALUTAZIONE DELLA DOMANDA IN OGGETTO DA LEI PRESENTATA VERRANNO PRESI IN CONSIDERAZIONE I SEGUENTI DATI”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Ci saranno i dati anagrafici e di titolarità, il punteggio base, punteggio aggiuntivo su sostegno, punteggio aggiuntivo per il comune di ricongiungimento, punteggio aggiuntivo per il comune assistenza figlio. Nello specifico ci sarà la sezione dell’anzianità, delle esigenze di famiglia e dei titoli generali.

In buona sostanza i docenti aspiranti alla mobilità troveranno la domanda con tutti i punteggi effettivamente riconosciuti.

Alla fine di questa notifica è riportato: “NEL CASO DOVESSE RISCONTRARE UNA EVENTUALE DIFFERENZA CON I DATI A SUA CONOSCENZA, LA PREGHIAMO DI DARNE COMUNICAZIONE ENTRO DIECI GIORNI DALLA RICEZIONE DELLA PRESENTE E COMUNQUE NON OLTRE IL TERMINE ULTIMO PREVISTO PER LA COMUNICAZIONE A SIDI DELLE DOMANDE DI MOBILITÀ PER IL RISPETTIVO ORDINE DI SCUOLA E PER IL RISPETTIVO MOVIMENTO (COMMA 2 ART.5)”.

RECLAMO AVVERSO ERRORI NEI PUNTEGGI DELLE DOMANDE DI MOBILITA’

È utile ricordare che nel comma 1 art.17 del CCNI mobilità dell’11 aprile 2017 è scritto: “Avverso le graduatorie redatte dal dirigente scolastico o dall’autorità/ufficio territoriale competente, nonché avverso la valutazione delle domande, l’attribuzione del punteggio, il riconoscimento di eventuali diritti di precedenza, è consentita la presentazione, da parte del personale interessato, di motivato reclamo, entro 10 giorni dalla pubblicazione o notifica dell’atto, rivolto all’organo che lo ha emanato. I reclami sono esaminati con l’adozione degli eventuali provvedimenti correttivi degli atti contestati entro i successivi 10 giorni e comunque non oltre la data di inserimento a sistema delle domande fissata dall’OM. Le decisioni sui reclami sono atti definitivi.