Home Mobilità Mobilità docenti: tempi troppo stretti e i sindacati contestano

Mobilità docenti: tempi troppo stretti e i sindacati contestano

CONDIVIDI

Si parte con la mobilità dei docenti di ogni ordine e grado già giovedì 26 febbraio, ma la scadenza della presentazione della domanda on line è il 16 marzo. Tempi troppo stretti per una procedura così delicata. I sindacati non ci  stanno e chiedono unitariamente una proroga delle scadenze. Ecco cosa scrivono i sindacati:

Le scriventi OO.SS., ribadendo quanto già espresso nel corso dell’incontro di informativa di lunedì 23 febbraio, chiedono di rivedere la tempistica relativa alla presentazione delle domande di mobilità del personale docente, alle quali viene riservato un numero di giorni nettamente inferiore a quanto solitamente riconosciuto (circa 20 giorni anziché i consueti 30).
Ciò desta non poca preoccupazione per la complessità di procedure non sempre agevolate, negli anni scorsi, dalla necessaria affidabilità del sistema di istanze online, di cui sono stati ricorrenti i malfunzionamenti o la vera e propria inaccessibilità.
Anche per queste ragioni, il numero di richieste di assistenza presso le sedi sindacali, anziché ridursi come sarebbe stato normale attendersi, ha fatto registrare un notevole incremento, tanto da risultare in molti casi difficilmente gestibile. Tale aspetto deve essere considerato alla luce della coincidenza che quest’anno viene a verificarsi con le procedure elettorali per il rinnovo delle RSU, procedure che implicano sotto diversi profili un supplemento di impegno per le scriventi organizzazioni sindacali, con conseguente difficoltà a rendere efficacemente il servizio e altrettanto conseguente disagio per i lavoratori che si avvalgono delle loro attività di assistenza e consulenza. Per queste ragioni, si chiede di  Priconsiderare le ipotesi illustrate nel corso dell’informativa, assicurando in ogni caso una finestra di trenta giorni, come da consolidata consuetudine.

Icotea