Home Alunni Nello studio meno fretta e più dedizione

Nello studio meno fretta e più dedizione

CONDIVIDI

A scuola come all’Università si impostano curriculum di studio che devono essere portati a termine nel migliore dei modi.

Le scelte disciplinari dovrebbero essere fatte su sentimenti di passione e dedizione verso lo studio intrapreso.
A tal proposito è molto significativo uno stralcio del discorso di Obama, rivolto agli studenti l’8 settembre 2009, in occasione dell’apertura dell’anno scolastico, di seguito riportato: “Il vostro obiettivo può essere molto semplice: fare tutti i compiti, fare attenzione a lezione o leggere ogni giorno qualche pagina di un libro. Potreste decidere di intraprendere qualche attività extracurricolare o fare del volontariato. Potreste decidere di difendere i ragazzi che vengono presi in giro o che sono vittime di atti di bullismo per via del loro aspetto o delle loro origini perché, come me, credete che tutti i bambini abbiano diritto a un ambiente sicuro per studiare e imparare. Potreste decidere di avere più cura di voi stessi per rendere di più e imparare meglio. Qualunque cosa facciate voglio che vi ci dedichiate. So che a volte la tv vi dà l’impressione di poter diventare ricchi e famosi senza dover davvero lavorare, diventando una star del basket o un rapper, o protagonista di un reality. Ma è poco probabile, la verità è che il successo è duro da conquistare. Non vi piacerà tutto quello che studiate. Non farete amicizia con tutti i professori. Non tutti i compiti vi sembreranno così fondamentali. E non avrete necessariamente successo al primo tentativo. È giusto così. Alcune tra le persone di maggior successo nel mondo hanno collezionato i più enormi fallimenti. Il primo Harry Potter di JK Rowling è stato rifiutato dodici volte prima di essere finalmente pubblicato. Michael Jordan fu espulso dalla squadra di basket alle superiori e perse centinaia di incontri e mancò migliaia di canestri durante la sua carriera. Ma una volta disse: ‘Ho fallito più e più volte nella mia vita. Ecco perché ce l’ho fatta’”.

Icotea