Home Personale “Non dividete le famiglie”: le proteste contro i trasferimenti lontano da casa

“Non dividete le famiglie”: le proteste contro i trasferimenti lontano da casa

CONDIVIDI

Sono tanti i docenti che stanno aderendo al gruppo Facebook “Docenti ruolo 2015 fase B” e che da ieri, dopo essere stati in piazza San Pietro per perorare la loro causa davanti a Papa Francesco, stanno pure postando le foto di mogli, mariti e figli: non divideteci da loro, è l’appello a chi decide i loro destini e il loro futuro.

Questi docenti come è noto spessissimo sono in graduatoria per esempio in Calabria ma vengono trasferiti in Sardegna. Ed ecco sulla pagina Fb una  foto dei familiari e poi di sotto la frase di commento: “Voglio questi sorrisi sempre e voglio ridere con loro, a casa mia”.

Icotea

 C’è chi è stato già trasferito e c’è chi teme di dover fare la valigie dopo il 30 giugno, una volta superato il periodo di differimento che ha consentito di rimanere in “patria” almeno un altro anno scolastico.

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

Gli insegnanti che non vogliono lasciare la famiglia tornano di nuovo alla carica a pochi mesi dell’assunzione della Buona scuola che è diventata, cattiva e maldestra.

Il messaggio più emblematico è partito sui social network con la pubblicazione delle foto di famiglia e con l’indicazione del luogo di residenza e di quello del lavoro. C’è chi sta insegnando in Sardegna e c’è chi dalla Sardegna è già andato via o dovrà farlo. C’è chi da Arezzo ha affrontato il trasloco a Caltanissetta a 1230 km da casa.

Una situazione terribile che non pare scuotere chi può risolverla, mentre il premier Renzi manda annunci e gli avvocati lustrano le carte bollate e le piste per lanciare i ricorsi.