Home Alunni ‘Non fumarti la vita’: basta tabacchi nei giardini pubblici e a scuola

‘Non fumarti la vita’: basta tabacchi nei giardini pubblici e a scuola

CONDIVIDI

‘Non fumarti la vita’: con questo slogan, dal 24 ottobre nelle aree gioco dei giardini pubblici di Lastra a Signa, nel Fiorentino, non si potrà più fumare. E anche nelle scuole medie.

La campagna contro il tabagismo è stata promossa dall’amministrazione della città pilota della Toscana, insieme ad Asl 10 di Firenze, Ispo e Fieg: riguarderà i residenti e coloro che lavorano sul territorio comunale.

Icotea

Da sabato 24 ottobre entrerà in vigore l’ordinanza del sindaco che vieta di fumare negli spazi dedicati a bambini ed adolescenti nelle aree verdi comunali, pena una sanzione amministrativa da 25 a 500 euro, primo passo del progetto che prevede poi, si spiega in una nota della Asl di Firenze, l’attivazione di una ‘quitline’, ovvero di un centralino antifumo, che si potrà chiamare gratuitamente per cercare di smettere di fumare e a cui risponderanno operatori debitamente formati per creare un percorso di sostegno.

‘Non fumarti la vita’ interesserà poi anche le scuole secondarie di primo grado dove, “applicando un metodo sperimentato a livello europeo, verranno formati prima i docenti e poi gli adolescenti a fare le proprie scelte di salute, a diventare cittadini liberi dal fumo e con un corretto stile di vita”.

 

{loadposition motivare}

 

La quarta azione del progetto riguarderà infine “un largo campione di lavoratori nelle aziende della zona”, dove operatori della Asl 10 andranno a sensibilizzare i rappresentanti della sicurezza, verificando l’adempimento delle norme vigenti in materia di fumo e diffondendo la conoscenza del nuovo centralino antifumo.

“Da tanti anni sul nostro territorio – ha detto il sindaco di Lastra a Signa Angela Bagni – portiamo avanti campagne di prevenzione e progetti di educazione alla salute. In questo caso abbiamo deciso di concentrare la nostra attenzione sul consumo di tabacco vista la crescente diffusione delle sigarette anche tra i giovanissimi. Grazie alla promozione di incontri formativi nelle scuole e all’istituzione di divieti di fumare nelle aree gioco dei giardini pubblici, puntiamo a diffondere una cultura del sano vivere a partire dai più piccoli e dalle famiglie”.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola