Home Archivio storico 1998-2013 Concorso Dirigenti Nubi sempre più buie sul concorso a ds

Nubi sempre più buie sul concorso a ds

CONDIVIDI
  • Credion

Il dubbio che, nell’Italia degli scandali e del crescente malaffare, fosse sbarcato veramente il merito francamente lo avevano in tanti.
Purtroppo la meritocrazia rimane scritta nei libri del consulente della Gelmini, Roger Abravanel, perché la realtà che si apre ai nostri occhi parla della solita Italia, fatta di furbi e arrampicatori sociali di professione. A dire parole forti ed inequivocabili su questo concorso è l’avv. Iacovino, difensore di alcuni candidati al concorso risultati inidonei . Iacovino ha definito le modalità operative di questo concorso come “l’opera di una filiera del crimine diffusa in maniera capillare su tutto il territorio nazionale”.
Il tribunale amministrativo del Molise è il primo ad esprimersi in maniera definitiva e chiara su una vicenda sulla quale pendono diversi ricorsi.
L’avvocato Iacovino ha presentato ricorsi anche per candidati risultati inidonei di altre regioni, ed è stato contattato anche da candidati inidonei siciliani , che denunciano anomalie anche nel concorso siciliano, che non è nuovo a turbolenze giudiziarie, come ben ricordiamo con il concorso a dirigente scolastico del 2004.
Il concorso dice l’avvocato molisano, fa acqua da tutte le parti e si sta scoperchiano una pentola maleodorante che vede presunte irregolarità anche in Calabria, Lazio, Lombardia. Secondo il legale Iacovino tutti i concorrenti dovrebbero muovere un’azione civile di risarcimento del danno. Sia i candidati inidonei ma soprattutto i vincitori delle prove, che si vedono il concorso annullato, per la leggerezza e il pressapochismo organizzativo.
L’avvocato molisano ci tiene a sottolineare che quella che è stata combattuta non è una battaglia contro i vincitori, ma per il principio di legalità e regolarità delle norme concorsuali. Adesso si teme quell’effetto domino che dalla Lombardia, passando per il Lazio fino ad arrivare alla punta dello stivale, cioè in Calabria, potrebbe vedere celebrato lo stesso copione molisano, in quanto per Iacovino esistono in tutte queste Regioni gli stessi vizzi procedurali del Molise, che in alcuni casi sarebbero anche più gravi.
Staremo alla finestra a vedere come stanno realmente le cose, con il pensiero che l’effetto domino potrebbe oltrepassare anche lo stretto di Messina e coinvolgere nuovamente la Sicilia, che ancora sta facendo i conti con il concorso del 2004.