Home Personale Orario dei docenti su potenziato non deve essere penalizzante

Orario dei docenti su potenziato non deve essere penalizzante

CONDIVIDI

Il dirigente scolastico che sostiene di avere l’assoluto potere di redigere l’orario di servizio dei docenti a suo piacimento, è completamente fuori strada.

La responsabilità di redigere l’orario scolastico di una scuola e di conseguenza anche l’orario settimanale di servizio dei docenti, è certamente del dirigente scolastico, ma il Testo Unico sulla scuola, attualmente vigente, pone delle chiare ed evidenti limitazioni al possibile e poco auspicabile libero arbitrio del capo d’Istituto, sulla questione della composizione dell’orario scolastico.

Icotea

Nell’art.25 comma 2 del D.l.vo 165/2001 è disposto che il dirigente scolastico assicura la gestione unitaria dell’istituzione, ne ha la legale rappresentanza, è responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei risultati del servizio. Nel rispetto delle competenze degli organi collegiali scolastici, spettano al dirigente scolastico autonomi poteri di direzione, di coordinamento e di valorizzazione delle risorse umane. In particolare, il dirigente scolastico organizza l’attività scolastica secondo criteri di efficienza e di efficacia formative ed è titolare delle relazioni sindacali. Il rispetto delle competenze collegiali, da parte del dirigente scolastico, è ancora una volta richiamato e confermato nella stessa legge 107/2015 e con precisone al comma 78. Infatti bisogna sapere che allo stesso Collegio dei docenti spetta, ai sensi dell’art. 7 lettere (b) e  (d) del Testo Unico della scuola, il diritto di “ formulare proposte per l’orario delle lezioni e lo svolgimento delle altre attività scolastiche tenuto conto dei criteri generali indicati dal consiglio di circolo o d’istituto e valutare periodicamente l’andamento complessivo dell’azione didattica per verificarne l’efficacia in rapporto agli orientamenti e agli obiettivi programmati, proponendo, ove necessario, opportune misure per il miglioramento dell’attività scolastica”.

Quindi per quanto suddetto la formulazione dell’orario delle lezioni è quindi prerogativa del Dirigente, ma il profilo delineato dall’art.25 D.Lgs. 165/01 delimita, con ogni evidenza, i suoi poteri organizzatori subordinandoli alle competenze in materia di didattica del Collegio dei docenti e anche del Consiglio d’Istituto che ne determina i criteri.

Per cui anche l’orario dei docenti assegnati al potenziamento deve rispettare i criteri deliberati dal Consiglio di Istituto e non può essere formulato in modo penalizzante rispetto agli altri docenti.