Home Personale Pensioni, le novità per il 2019: ecco chi può andare in anticipo

Pensioni, le novità per il 2019: ecco chi può andare in anticipo

CONDIVIDI

In attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto legge su Quota 100, ripassiamo le novità previste in tema di pensioni per il 2019.

A decorrere dal 1° gennaio 2019, l’accesso alla pensione anticipata sarà consentito se risulta maturata un’anzianità contributiva di 42 anni e 10 mesi per gli uomini, 41 anni e 10 mesi per le donne. La decorrenze della pensione partirà dopo 3 mesi dalla maturazione dei requisiti.

Icotea

I lavoratori che hanno maturato o matureranno nel triennio 2019/2021, 38 anni di contributi e 62 anni di età potranno accedere alla pensione senza nessuna penalizzazione.

Le finestre di Quota 100

Per i dipendenti del settore pubblico: apertura della finestra il 1 agosto se i 62 anni e i 38 anni di contributi sono raggiunti alla data di entrata in vigore del decreto legge. Dopo 6 mesi dalla data di maturazione dei requsiti, se i 62 anni e 38 anni di contributi sono raggiunti dopo la data di entrata in vigore dei decreto legge. La domanda di collocamento a riposo deve essere presentata alla Pa con un preavviso di sei mesi.

Per il comparto scuola i 62 anni e 38 anni di contributi dovranno essere raggiunti entro il 31 dicembre. L’apertura della finestra sarà 1 settembre 2019.

Non solo quota 100

Ecco un quadro delle possibili opzioni di uscita flessibile così come segnala Il Sole 24 Ore.

Lavori usuranti: circa 6mila i lavoratori potenziali beneficiari che ogni anno della pensione anticipata per lavoro usurante. Si tratta di persone che hanno svolto una o più delle attività usuranti (come ad esempio le maestre d’asilo). Attenzione, però: l’assegno sarà più basso a causa dei minori contributi versati.

Ape volontario: riguarda i lavoratori privati. Per poter fare domanda non devono mancare più di tre anni e sette mesi all’età della pensione di vecchiaia. Il lavoratore potrà così ricevere un assegno ponte per un massimo di 43 mesi prima della pensione di vecchiaia.

Lavoratori precoci: lavoratori che hanno versato almeno un anno di contributi da lavoro effettivo prima dei 19 anni di età e svolgono attività particolarmente faticose.

Isopensione: L’isopensione è il trattamento a cui accede il lavoratore che sottoscrive un accordo di esodo con prepensionamento a carico dell’azienda. Dal momento in cui smette di lavorare  no alla pensione, percepisce un importo mensile pagato dall’ex datore di lavoro. La possibilità di anticipare 7 anni rispetto alla vecchiaia è prevista fino al 2020, dopo si potranno anticipare 4 anni.

Importi pensionamento quota 100

Quanti aderiranno a quota 100?

L’adesione prevista è di 70mila docenti, più 30mila tra Ata e dirigenti scolastici. In realtà con la quota 100, a lasciare il servizio il 1° settembre 2019, saranno molto di meno. Le domanda attese saranno circa 10mila. A scoraggiare molto, purtroppo, l’assegno più basso e l’assegnazione ritardata di buona parte del Tfr, visto che solo 30 mila euro verrebbero corrisposti subito.

Secondo quanto segnala lo Snals, ci sarà un assegno ridotto tra i 200 euro per i collaboratori scolastici e di 330 euro per i docenti. Ma anche di un importo che va dai 10 mila e i 15 mila euro in meno di Tfr.

Il calcolo riguarda docenti e Ata con 62 anni di età e 38 di contributi e viene messo a confronto con il pensionamento previsto con le regole della legge Fornero (quindi a 67 anni).

Leggi anche

Pensioni quota 100, per la Fornero è uno slogan: le regole rimangono quelle, Salvini dice tante bugie

Quota 100, sì del Consiglio dei ministri: 30 mila euro cash di Tfr, in pre-pensione un milione di lavoratori

Quota 100, al Mef i conti non tornano: sino all’ultimo modifiche possibili

Quota 100, conto alla rovescia per il decreto. Cosa accadrà per Tfs dipendenti pubblici 

Pensioni, Di Maio promette: quota 41 si farà. Intanto il 17 gennaio quota 100 arriva in CdM

Pensioni quota 100, il Governo non s’è dimenticato dei docenti: potranno fare domanda sino al 28 febbraio

Quota 100, un bluff? Sinopoli (Cgil): così fanno fuori docenti e Ata, per il Tfr servirà il mutuo

Quota 100, sorridono docenti e Ata: per arrivare a 62 anni e 38 di contributi varrà tutto il 2019

Quota 100 discriminante: in pensione con 38 anni di contributi, no chi ne ha 41. Landini (Cgil): “che c…o di giustizia è?”

Pensioni, quota 100 penalizza Centro-Sud e donne. Di quota 41 si sono perse le tracce

Quota 100, domande a gennaio per lasciare in estate: buonuscita subito con le banche, interessi a carico dei lavoratori

Pensioni, 315mila potenziali quota 100, 120mila solo statali