Home Personale Pensioni scuola, ecco come e quando si ottiene la buonuscita

Pensioni scuola, ecco come e quando si ottiene la buonuscita

CONDIVIDI

L’indennità di buonuscita ora TFS (trattamento di fine servizio) verrà erogata così come specificato dall’INPS con la circolare n.154 del 17 settembre 2015.

Per inabilità o decesso, la buonuscita arriverà entro 105 giorni. In caso di cessazione volontarie per massima anzianità contributiva: 24 mesi più altri 90 giorni. Per limiti d’età (67 anni) o (65 anni con anzianità contributiva) saranno 12 mesi più altri 90 giorni.

La buonuscita da corrispondere viene rateizzata in base alla somma da percepire: in una sola rata se si tratta di 50mila lorde, in due rate se la somma è eccedente 50mila e fino a 100mila (la seconda rata ad un anno dalla prima). In tre rate con somma eccedente 100mila euro (rate a distanza di un anno tra di loro).

ICOTEA_19_dentro articolo

Pensioni scuola 2020, le regole per l’accesso all’assegno previdenziale

Per presentare la domanda di pensione a decorrere dal 1° settembre 2020 ci sarà tempo fino al 10 gennaio 2020.

La scadenza per la presentazione delle domande riguarda tutto il personale della scuola, ad esclusione dei dirigenti scolastici per i quali il contratto fissa in via permanente il termine del 28 febbraio.

Per conseguire la pensione di anzianità e la pensione anticipata i nuovi requisiti dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020 sono i seguenti:

Pensione di vecchiaia per uomini e donne con almeno 20 anni di contributi

67 anni entro il 31 dicembre 2020.

Pensione di vecchiaia – art. 1 comma 147 legge 205/17 (esclusione dall’aspettativa di vita per i lavoratori dipendenti che svolgono attività gravose con contribuzione da almeno 30 anni)

66 anni e 7 mesi entro il 31 agosto 2020 d’ufficio
66 anni e 7 mesi entro 31 dicembre 2020 a domanda

Pensione anticipata

  • per le donne, 41 anni e 10 mesi di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2020;
  • per gli uomini, 42 anni e 10 mesi di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2020.

Opzione donna (art. 1 comma 9 della legge 23 agosto 2004, n. 243, come declinata nella legge 26 del 2019)

Per le sole donne resta in vigore la norma prevista dalla legge 243 del 2004, modificata dalla legge 26 del 2019, che consente l’accesso alla pensione con 58 anni di età anagrafica e 35 anni di anzianità contributiva.

Il pensionamento è consentito dal 1° settembre 2020 a condizione che il requisito di contribuzione e di età anagrafica sia stato maturato entro il 31 dicembre del 2018. L’assegno pensionistico verrà conteggiato per intero col sistema contributivo.

Trattenimento in servizio

Il trattenimento in servizio può essere solamente richiesto dal personale che compiendo 67 anni di età entro il 31 agosto 2020 non abbia maturato a quella data l’anzianità pensionistica di 20 anni. L’Amministrazione sarà obbligata a collocare a riposo i dipendenti che in possesso dei requisiti della pensione anticipata, raggiungano i 65 anni di età entro il 31 agosto del 2020.

La domanda deve essere trasmessa on-line tramite POLIS.

TUTTO SULLE PENSIONI

CONDIVIDI