Home Archivio storico 1998-2013 Obbligo di istruzione Per l’Isfol i giovani che abbandonano sono il 19%: 5% in più...

Per l’Isfol i giovani che abbandonano sono il 19%: 5% in più della media Ue

CONDIVIDI
  • GUERINI

Per realizzare l’indagine sono stati intervistati oltre 1.500 giovani usciti dalla scuola secondaria di primo e secondo grado, suddivisi in due differenti campioni: giovani diplomati, qualificati o comunque inseriti nei percorsi formativi; giovani fuoriusciti prematuramente dai percorsi.
Sono scoraggiati dalle difficoltà incontrate in un percorso formativo ‘accidentato’, oppure confusi sul loro futuro.
Sono i giovani ‘dispersi’, quelli che abbandonano gli studi, che in Italia raggiungono un tasso del 18,8%, quasi 5 punti in più rispetto alla media europea.
 A indagare sulle cause dell’abbandono è una ricerca dell’Isfol, ‘Le dinamiche della dispersione formativa: dall’analisi dei percorsi di rischio alla riattivazione delle reti di supporto’, presentata a Roma.
“E’ un’indagine di tipo qualitativo che studia i motivi dell’abbandono tra i giovanissimi tra i 14 e i 17 anni”, spiega a Labitalia Aviana Bulgarelli, direttore generale dell’Isfol. “Una delle cause più rilevanti – sottolinea – è data dalle difficoltà che i ragazzi incontrano nel percorso scolastico: un percorso accidentato, con bocciature o valutazioni basse o ritenute non corrispondenti alle aspettative, può determinare un effetto scoraggiamento”.