Home Personale Quanti sono i prof disabili?

Quanti sono i prof disabili?

CONDIVIDI

Quanti sono i prof disabili? Secondo Ofcs Report riguarderebbe circa il 15% del totale del corpo docente italiano che come è noto conta oltre 750.000 unità. Tra loro ci sarebbero insegnanti con ogni forma di disabilità: dal non vedente a chi ha problemi di deambulazione, da chi soffre di malattie cardiache o di tumore a chi è affetto da sclerosi multipla.  

Dati questi che né Miur, né Istat, né Inps, né i ministeri della Pubblica Amministrazione e del Lavoro avrebbero mai cercato di censire, afferma Ofcs Report.

Icotea

Fra l’altro, come documentato in un articolo pubblicato proprio dal sito Ofcs Report, viene pure denunciata la situazione di una  maestra malata di sclerosi multipla che, nonostante abbia fatto richiesta di mobilità lo scorso maggio per restare nella propria Provincia, a Palermo, allegando alla richiesta il verbale della Legge 104 e l’invalidità al 100%, è stata trasferita a Bologna.

 

{loadposition deleghe-107}

 

 “L’unico monitoraggio effettuato dal Miur riguarda le richieste di 104, ovvero i permessi per le persone disabili o per i loro familiari – si legge ancora nel comunicato – Un monitoraggio scaturito a seguito di uno scandalo scoppiato a Menfi, in provincia di Agrigento nel 2014, dove nell’Istituto ‘Santi Bivona’, settanta insegnanti su centosettanta risultavano malati o beneficiari della legge 104. Solo per rendere l’idea, nelle imprese private le persone che ricorrono alla Legge 104 sono circa l’1,5% sul totale dei lavoratori mentre nella scuola questa percentuale cresce, complessivamente, sino al 13%”.

 “Al Miur non interessa rilevare quel dato – spiegherebbe una dirigente del Miur ad Ofcs Report – che comunque l’Inps non può non avere. Bisogna dire anche che nella scuola, più che in altri settori della Pubblica Amministrazione, i lavoratori disabili sono molto numerosi, forse per la tipologia di lavoro che svolgono, e rappresentano un costo notevole per lo Stato, viste le sostituzioni che bisogna prevedere e l’assistenza che si deve garantire”.