Home Senza categoria Reddito di cittadinanza, 54mila candidati alle selezioni per navigator del 18 giugno....

Reddito di cittadinanza, 54mila candidati alle selezioni per navigator del 18 giugno. Tutte le info

CONDIVIDI

L’iter per arruolare 2.980 navigator, la “figura centrale” del percorso di avviamento al lavoro collegato al reddito di cittadinanza, si concretizza con l’annuncio delle date del maxi-concorso: selezioni il 18, 19 e 20 giugno, alla Fiera di Roma. Per quasi 54mila candidati.

I candidati in arrivo a Roma saranno un fiume in piena: erano state 78.788 le domande, a partire dalla Campania con 13.001 candidati e dalla Sicilia con 11.886, poi il Lazio con 9.304, la Puglia con 9.191 e la Calabria con 6.977. La città con più candidati è Roma (7.092), seguita da Napoli (6.812), Palermo (3.503), Catania (2.758), Salerno (2.457).

Laureati, in maggioranza dal centro-sud, dopo la prima scrematura basata sul voto di laurea, saranno in 53.907 a contendersi con cento quiz in cento minuti un incarico di collaborazione a termine – come spiega il bando pubblicato dall’Anpal -, fino al 30 aprile 2021, con una retribuzione annua di 27.338,76 euro lordi, ed un rimborso spese forfettario di 300 euro lordi mensili.

La prova preselettiva

La prova consiste in un questionario a crocette: 100 domande in 100 minuti di cultura generale (10%); domande psicoattitudinali (10%); logica (10%); informatica (10%); politica del lavoro (10%); reddito di cittadinanza (10%); contratti di lavoro (10%); istruzione e formazione (10%); mercato del lavoro (10%); economia aziendale (10%).

Voto di laurea pesa

Al termine di ciascuna sessione d’esame si procederà in forma anonima e automatica alla correzione delle prove dei candidati e al calcolo dei relativi punteggi.

Il punteggio totale di ciascun candidato viene ottenuto valutando le risposte fornite con un punto per ogni risposta esatta, zero in caso di mancata risposta e – 0,4 punti in caso di risposta sbagliata. Superano la prova i candidati che abbiano ottenuto il punteggio minimo di 60/100.

La graduatoria è su base provinciale. In caso di parità verrà preferito il candidato con il miglior voto di laurea. In caso di ulteriore parità verrà preferito il candidato più giovane di età.