Home Attualità Scuole chiuse, Azzolina: “Escludo assolutamente ritorno in classe a luglio”

Scuole chiuse, Azzolina: “Escludo assolutamente ritorno in classe a luglio”

CONDIVIDI
webaccademia 2020

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano online Fanpage. Tanti gli argomenti trattati dalla titolare del dicastero di Viale Trastevere: “Gli studenti e il personale torneranno a scuola quando le autorità sanitarie ci diranno che non ci sono rischi. L’importante è lavorare su tutti gli scenari possibili”.

Sei politico

“Ci sono indicazioni che abbiamo già dato, altre le comunicheremo a breve. Il percorso di uno studente è un percorso lungo, che è iniziato a settembre e, se parliamo dei maturandi, è iniziato cinque anni fa. Ho piena fiducia negli insegnanti che conoscono bene i propri studenti e sono perfettamente in grado di valutarne l’apprendimento”.

Ritorno in classe

“Dobbiamo stimolare la didattica a distanza come stanno facendo tutti gli altri Paesi europei che hanno chiuso le scuole. Poi, con una buona programmazione, gli insegnanti riusciranno a riprendere il percorso scolastico in aula. Abbiamo intanto escluso la presenza nelle aule a luglio”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Maturità 

“Tempo al tempo. Ogni decisione sarà comunicata in modo ufficiale, a breve, appena formalizzata. Il tema degli Esami è delicato. Riguarda mezzo milione di studenti e le rispettive famiglie, più tutti gli insegnanti coinvolti. Intanto abbiamo dato l’annuncio, atteso, sulla commissione interna che dà garanzie ai ragazzi di essere valutati per ciò che hanno realmente appreso. Poi stiamo lavorando ad altre soluzioni che comunicheremo al più presto”.

Mobilità 

“Nei primi due giorni di apertura delle domande ne sono arrivate più dello scorso anno. E abbiamo attivato una funzione che consente di dare la delega per effettuarla. Si potrà quindi avere il supporto, anche a distanza, dei sindacati, come è sempre avvenuto. Non registriamo problemi al momento. Abbiamo anche degli help desk regionali. Non fare la mobilità avrebbe significato negare diritti e non avviare le procedure per il prossimo anno scolastico. Ritardare la mobilità, o non farla, avrebbe impedito anche le immissioni in ruolo per i precari e non avrebbe consentito un buon avvio dell’anno scolastico a settembre”.

Come fare didattica a distanza: consigli e soluzioni

CORONAVIRUS – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Nuovo Modello Autodichiarazione 26.03.2020 Editabile

LE FAQ UFFICIALI

Coronavirus e scuole chiuse, tutto quello che c’è da sapere: norme e info utili

TUTTO SULLA MOBILITA’

Notizie, approfondimenti, video e FAQ

Vai alla sezione dedicata

Preparazione concorso ordinario inglese