Home Personale Solidarietà della Gilda al prof. Guarna. Il Miur risolva la questione

Solidarietà della Gilda al prof. Guarna. Il Miur risolva la questione

CONDIVIDI

La Gilda degli Insegnanti esprime solidarietà al docente Fabio Guarna e a quei pochi che versano nelle sue condizioni (al momento per quanto a nostra conoscenza ne risultano due) che, a causa degli aberranti effetti prodotti dall´algoritmo, sono stati immessi in ruolo in fase C in una classe di concorso di livello retributivo più basso pur essendoci per loro posto per essere assunti in quella di grado superiore nella stessa prima provincia richiesta all´atto della domanda. 

Il prof. Fabio Guarna, dopo avere presentato domanda per l´immissione in ruolo, nonostante si sarebbe trovato al 15esimo posto nella prima provincia indicata (Catanzaro) con 30 posti disponibili nella classe di concorso A019, è stato assunto a tempo indeterminato secondo le indicazioni dell´algoritmo in una materia dal trattamento economico più basso (circa 150 euro in meno al mese) come Insegnante Tecnico Pratico. 

Icotea

Il docente è stato costretto ad accettare la proposta di assunzione come ITP perché, in caso di rinuncia, sarebbe stato escluso dal piano di assunzioni e non gli sarebbe stata offerta la possibilità di immissione nella classe di concorso dal trattamento retributivo più alto. In sostanza, utilizzando il criterio stabilito dalla legge 107/2015 per le graduatorie nazionali in una graduatoria provinciale (la prima provincia) che non contemplava peraltro casi simili mettendo in relazione graduatorie dal profilo giuridico e trattamento economico diverso, l´algoritmo stabiliva che 114 punti in una materia tecnico pratica erano maggiori di 55 punti in una graduatoria per docente laureato. Gli effetti dell´immissione in ruolo per Guarna si sono rivelati dannosi anche per i suoi potenziali allievi perché sono stati assunti docenti in materie giuridiche con un punteggio minore del suo e quindi con meno titoli ed esperienze. 

Dopo avere superato il periodo di prova in una scuola dove la sua materia non era neanche nell´orario curricolare, si è scoperto che per l´anno successivo nello stesso istituto, benché fosse stato richiesto, il posto di ITP non era disponibile e ne veniva assegnato uno in materie giuridiche. Inoltre, quanto al piano di mobilità territoriale dai posti disponibili per l´assegnazione definitiva, è possibile osservare che se fosse stato assunto come insegnante di materie giuridiche, l´insegnante avrebbe avuto molte più chance di rimanere nella sua regione mentre come ITP, essendo i posti disponibili pari a zero, non avrà alcuna possibilità di restare. 

Il prof. Guarna sarebbe potuto restare vicino ai propri familiari (due figli) se gli fosse stata consentita la mobilità professionale, ma ciò non è accaduto perché i sindacati firmatari del contratto per la mobilità (e non la GILDA) e i funzionari non hanno preso in considerazione la proposta-salvagente, sostenendo che per chiedere la mobilità professionale era necessario superare il periodo di prova. Guarna, dunque, è stato declassato (l´espressione è riferita al profilo giuridico e al trattamento economico inferiore per il posto in cui è stato assunto) e allontanato con il piano di mobilità da casa. 

Il docente ha fatto ricorso al giudice del lavoro ma è noto che i tempi della giustizia sono lunghi e pertanto sarebbe auspicabile un intervento immediato da parte del MIUR, i cui uffici che fanno capo al Sottosegretario Faraone sono a conoscenza del problema ma al momento non hanno preso alcun provvedimento. 

Il fatto è apparso sugli organi di informazione nazionale (riviste specializzate, Corriere della Sera, GILDA TV) e giace da dicembre un´interrogazione parlamentare del senatore Nicola Morra rivolta al Ministro Giannini che ancora non ha risposto. 

La Gilda nazionale pertanto stigmatizza il silenzio del Ministro Giannini, invitandola a rispondere e a trovare una soluzione, e chiede un incontro con gli uffici del Ministero.