Home Personale Specializzazione sostegno: distribuzione anomala dei posti

Specializzazione sostegno: distribuzione anomala dei posti

CONDIVIDI

Sono poco meno di 9.700 i posti disponibili nei corsi che le università italiane sono autorizzate ad attivare per consentire ai docenti interessati di conseguire il titolo di specializzazione per il sostegno.

I numeri

Abruzzo200
Basilicata150
Calabria250
Campania1150
Emilia-Romagna310
Friuli-Venezia Giulia271
Lazio1425
Liguria230
Lombardia1270
Marche540
Molise370
Piemonte200
Puglia550
Sardegna240
Sicilia1185
Toscana568
Trentino Alto- Adige240
Umbria150
Valle d’Aosta70
Veneto280
Totale9649

Ma la distribuzione, come si può constatare dalla tabella, non è affatto uniforme sul territorio nazionale: in Piemonte i posti sono solamente 200, meno dei 230 della piccola Liguria e lo stesso numero dell’Abruzzo.
E sono 310 in Emilia-Romagna contro i 370 del Molise.

Il commento di Mario Pittoni (Lega)

La situazione non piace affatto a Mario Pittoni, responsabile federale Istruzione della Lega, che commenta: “Basta corsi di specializzazione sul sostegno totalmente scollegati dall’effettivo fabbisogno regione per regione. Se è grave che la scuola riparta tutti gli anni senza insegnanti titolari, diventa inaccettabile quando il problema coinvolge ragazzi con disabilità”.
Secondo Pittoni, a fare le spese di questa anomala distribuzione dei posti “sono studenti già con le loro difficoltà, che devono accontentarsi di supplenti non specializzati, magari neolaureati privi di esperienza e competenze atte a garantire un’adeguata crescita formativa”.
“L’unica strada per garantire la continuità didattica cui hanno diritto tutti gli alunni, ma in particolare quelli con difficoltà, è – conclude Pittoni – la regionalizzazione dell’intero sistema di reclutamento”.

ICOTEA_19_dentro articolo