Home Mobilità Studio Cnr: oltre 1milione di persone l’anno cambia residenza, quasi tutti studenti...

Studio Cnr: oltre 1milione di persone l’anno cambia residenza, quasi tutti studenti e stranieri

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Nel corso del 2014 sono state 1.313.200 le persone che hanno cambiato il proprio comune di residenza.

Il dato risulta il leggero calo rispetto all’anno precedente (quasi 50mila in meno) e con una maggiore propensione a spostarsi maggiore tra gli stranieri, con il 48,2 per mille contro il 19,2 degli italiani, e con una differenza di genere: tra i cittadini non italiani sono più le donne a spostarsi, tra gli italiani gli uomini. Nel computo, ci sono tanti giovani meridionali, soprattutto con voti alti alla maturità che se ne vanno per studiare e la maggioranza non torna indietro. Poi ci sono un alto numero di braccianti, non italiani.

ICOTEA_19_dentro articolo

I dati sono emersi dal volume ‘Fare spazio Rapporto sulle migrazioni interne in Italia’, curato dall’Istituto di studi sulle società del Mediterraneo del Consiglio nazionale delle ricerche (Issm-Cnr) ed edito da Donzelli.

Secondo Michele Colucci, curatore del Rapporto e ricercatore dell’Issm-Cnr. “Le migrazioni interne, ancorché molto meno studiate di quelle internazionali verso il nostro Paese alle quali comunque si legano, rappresentano un tratto strutturale dell’economia italiana”.

Nel rapporto si parla anche di “attrattività di alcune aree urbane: nel 2013-14 nel Sll Roma sono entrate 38.000 persone e ne sono uscite 30.000, a Milano 45.000 contro 37.000 uscite. Anche il Sll di Bologna ha un saldo positivo”, affermano gli autori.

Massimiliano Crisci dell’Irpps-Cnr, si è soffermato sul territorio romano: nel 2009-2014, la capitale ha conosciuto un saldo migratorio positivo del 7,7‰. La città con l’avvio della crisi economica ha visto aumentare il saldo migratorio anche grazie ad una quota crescente di giovani che vi hanno trasferito la residenza dal Mezzogiorno.

Il contributo di Crisci separa la città di Roma in tre fasce: quartieri centrali, periferia interna al Grande Raccordo Anulare e periferia esterna al Gande Raccordo Anulare. Tra il 2009 e il 2014 si registra un aumento notevole proprio della periferia esterna al Gra: l’area grazie all’arrivo di residenti da fuori Comune ha avuto un saldo migratorio che corrisponde al +13,2‰.

 

{loadposition carta-docente}

 

Roberto Impicciatore dell’Università di Bologna ha ricostruito, invece, i flussi studenteschi a livello nazionale. “Tra il 2003 e il 2016, ben 300.000 studenti meridionali si sono iscritti in un ateneo del Centro o del Nord e sei su 10 non sono tornati nella regione di provenienza, ma hanno per due terzi continuato a vivere in quella di laurea”, spiega l’autore.

“La maggior parte di coloro che si iscrive fuori dalla regione di residenza è composta da siciliani (69.400) campani (68.900) e pugliesi (95.600) e con maggiore propensione tra chi ha conseguito voti più alti alla maturità: le regioni che hanno attratto di più sono state Lazio (9.800 studenti all’anno), Emilia-Romagna (9.200) e Lombardia (9.000)”.

Dallo studio nazionale emerge che esistono molti legami tra mobilità studentesca e migrazioni interne: le regioni dove si dirigono gli studenti sono anche quelle dove si dirigono i flussi di lavoratori, ma ci sono anche eccezioni, come il Veneto, che attira immigrati dal resto dell’Italia ma da dove partono più studenti di quanti ne entrano (tra il 2009 e il 2015 il Veneto ha avuto in media un saldo migratorio studentesco che corrisponde a – 1.616 studenti l’anno).

Francesco Carchedi (Università Sapienza di Roma) ha ricostruito la mobilità dei braccianti stranieri nell’Italia settentrionale impegnati nelle attività agricole, un fenomeno che erroneamente si pensa limitato al solo Mezzogiorno. Concentrandosi su due aree (la bassa mantovana e il Piemonte), l’autore descrive i diversi sistemi di mobilità sul territorio dei lavoratori, che si spostano periodicamente e a volte anche giornalmente alla ricerca di opportunità occupazionali.

Roberta Zanini (Università di Torino) si concentra sull’area alpina, dove negli ultimi anni si sono susseguiti fenomeni di spopolamento e di ripopolamento, ad opera di cittadini stranieri e non solo. Il dinamismo del settore turistico, le opportunità dell’industria estrattiva e la ‘riscoperta’ della montagna anche dal punto di vista agricolo e dell’allevamento hanno attirato diversi segmenti di popolazione.

Preparazione concorso ordinario inglese