Home Personale Tagli a scuola e cultura per pagare sussidi, pensioni e interessi?

Tagli a scuola e cultura per pagare sussidi, pensioni e interessi?

CONDIVIDI

Sembra proprio che sulla base dei numeri del bilancio pubblico riclassificato per “azioni politiche”, allegato al disegno di legge di bilancio votata senza discussione alcuna, ci sia tanta spesa pubblica e zero revisione della spesa.

Sussidi e sussidi

Linkiesta, riprendendo quanto già da tempo si scrive,  sottolinea che ci sarebbero “più sussidi e meno incentivi alle imprese. Ci sono tanti soldi in più ai pensionati e tanti soldi in meno a istruzione e cultura. E ci sono un sacco di interessi in più da pagare ai nostri creditori, i veri sovrani del sistema Italia”.

Complessivamente, nei prossimi tre anni, la spesa pubblica aumenterà di circa 51 miliardi, mentre  per il triennio 2019-2021 la spending review propriamente detta si ferma a 1,4 miliardi, tagliuzzati qua e là tra le spese dei diversi ministeri.

Tagli a cultura e istruzione

A farne le spese – pubblica Linkiesta- è l’istruzione. “Lega e Cinque Stelle tagliano del 10% la spesa per l’istruzione scolastica, che passa da 48 a 44 miliardi nel giro di tre anni, disinvestendo prevalentemente nell’istruzione primaria (meno due miliardi) e negli insegnanti di sostegno (quasi un miliardo e mezzo in meno). Ma ci sarebbero però 200 milioni in più per l’istruzione universitaria”.

Diminuisce  il costo delle politiche per l’immigrazione di ben 400 milioni in tre anni, da 3,3 a 2,9 miliardi. Un decimo, rispetto ai tagli all’istruzione.

CONDIVIDI