Home Alunni Terza prova agli esami di stato: è già nota

Terza prova agli esami di stato: è già nota

CONDIVIDI

Che la terza prova non è da prendere sottogamba ormai è noto a tutti, visto che spesso è risultata la più insidiosa a causa proprio della sua estrema sinteticità. E proprio per questo, sussurra Skuola.net, gli studenti avrebbero messo in atto una prassi ormai consolidata: l’appello alla benevolenza dei commissari per avere qualche anticipazione, magari sfruttando la conoscenza personale con uno dei membri interni.

Ben sapendo che fino all’ultimo minuto nessuno dovrebbe sapere né le materie né tantomeno i quesiti della terza prova, scelti dalla commissione fra massimo cinque materie fra tutte quelle studiate in quinto, incluse anche quelle oggetto di prima e seconda prova, i ragazzi però affermerebbero di essere riusciti a strappare ai commissari qualche anticipazione.
E infatti, secondo il sondaggio di Skuola.net, il 19% afferma di conoscere già le materie e anche alcune delle domande, mentre il 42% si limita alle sole materie.
Un vantaggio non da poco, perché permette di ottimizzare i tre giorni di stop tra seconda e terza prova ripassando solo le materie che saranno effettivamente richieste e non tutte quelle trattate in quinto, come invece sarà necessario all’orale. Skuola.net suggerisce, per evitare disparità e privilegi, di anticipare a tutti gli studenti le materie oggetto della terza prova, anche se ci potrebbe pure essere la possibilità che fra non molto proprio la terza prova passi all’Invalsi, cosicchè anche il mistero delle possibili anticipazioni si sciolga.

Icotea