Home I lettori ci scrivono TFA II ciclo A020, Potenziale violazione dei diritti allo studio dei candidati...

TFA II ciclo A020, Potenziale violazione dei diritti allo studio dei candidati del centro Italia?

CONDIVIDI
  • Credion

Desidero segnalare cortesemente la situazione attuale della classe di concorso A020:

Come da tabella allegata, il numero degli ammessi alle prove scritte (180) si mostra già oggi abbondantemente inferiore al fabbisogno nazionale (indicato in 212 unità nelDm 312/2014 )

Icotea

Nonostante ciò, i candidati umbri che dovessero superare le prove scritte ed orale ma non collocarsi in posizione utile (entro i primi 4) si troverebbero fortemente discriminati perché obbligati ad indirizzarsi verso regioni molto lontane alnordo alsud, il che per motivi economici e/o lavorativi potrebbe essere loro impossibile.

Infatti le regioni del centro Italia soffrono di uno sbilancio pesantemente negativo ( 34 posti attivati contro 60 candidati ammessi ) mentre sia il nord sia il sud godono di una situazione esattamente inversa.

In particolare, la situazione più critica è quella dei candidati umbri perché

  • si trovano geograficamente ”nel mezzo” ovvero lontani sia dal nord che dal sud
  • malgrado avesse richiesto 10 posti, l’università di Perugia ha potuto attivarne solo 4
  • le Marche non hanno attivato corsi, quindi – per motivi geografici- una buona parte dei candidati marchigiani potrebbe scegliere di continuare le prove in Umbria sommandosi ai già 10 candidati umbri ammessi allo scritto.

Quindi ( in un contesto nazionale nel quale gli ammessi allo scritto sono già in numero inferiore al fabbisogno) il candidato umbro che dovesse risultare idoneo ma quinto in graduatoria dovrebbe andare a frequentare i corsi (ad esempio) in Calabria o in Friuli , con conseguente potenziale rinuncia per impossibilità ( si pensi al costo ed all’incompatibilità con altre attività ).

Il tutto quando l’Università di Perugia aveva già manifestato l’intenzione di attivare più posti….