Home Mobilità Trasferimenti, che dovranno fare ora i docenti che non hanno avuto l’ambito?

Trasferimenti, che dovranno fare ora i docenti che non hanno avuto l’ambito?

CONDIVIDI
  • Credion

Dopo gli avvenuti trasferimenti, che fine faranno i docenti che non hanno ottenuto l’ambito territoriale? A spiegarlo è la Flc-Cgil, attraverso indicazioni pratiche sul da farsi.

I docenti della fase C (assunti da GAE nelle fasi B e C del piano straordinario di assunzioni 2015/2016) che hanno ricevuto comunicazione di mancato accoglimento della domanda, risultano di fatto in esubero a livello nazionale.

Icotea

Questi docenti verranno provvisoriamente assegnati d’ufficio in esubero, da parte degli USP (in attuazione di quanto prevede l’art. 23 c. 13 del Ccni 8 aprile 2016), nell’ambito comprendente la prima preferenza espressa nella domanda di mobilità.

Di conseguenza non potranno partecipare alle operazioni di competenza delle scuole (conferimento incarichi triennali da parte dei DS) visto che nelle scuole dell’ambito non ci sono posti disponibili per loro in organico dell’autonomia (diritto+potenziamento), ma dovranno presentare domanda di utilizzazione ai sensi dell’art. 2 comma 1 lett. d) dell’ipotesi di Ccni 15 giugno 2016 in quanto senza sede e in esubero ed anche domanda di assegnazione provvisoria (se interessati ed in possesso dei requisiti) sui posti attivati in organico di fatto e saranno utilizzati, se non ottengono l’eventuale assegnazione provvisoria, dopo tutte le altre operazioni annuali, anche in soprannumero. 

 

{loadposition eb-pof-triennale}

 

 

{loadposition facebook}