Home Attualità Tutti promossi? Senza uno sprone molti studenti non capiranno più il senso...

Tutti promossi? Senza uno sprone molti studenti non capiranno più il senso dell’impegno

CONDIVIDI

L’emergenza coronavirus continua, siamo ancora nella fase del cosiddetto plateau, ma per la discesa dei contagi ci vorrà ancora qualche giorno, forse più di una settimana.

L’attenzione per il mondo della scuola è rivolta al Consiglio dei Ministri che si terrà entro il weekend con la probabile approvazione del decreto legge che punta a razionalizzare il fine anno scolastico e pianificare il prossimo.

Icotea

ULTIMA BOZZA DEL DECRETO (PDF)

Tra le novità previste, anche alla luce della gravissima situazione epidemiologica, è la possibilità che tutti gli studenti siano promossi. Una situazione particolare, certo derivata da fattori contingenti, ma che lascia più di una perplessità.

Su Famiglia Cristiana, il settimanale della Cei, si legge un articolo dello psicoterapeuta Alberto Pellai, particolarmente critico nei confronti della ministra Lucia Azzolina.

Secondo Pellai annunciare a due mesi dalla fine della scuola che non ci saranno bocciature è un autogol del Ministero. Senza uno sprone molti studenti non capiranno più il senso dell’impegno: “La scuola maestra di vita dovrebbe essere garante del percorso, non del traguardo. Quello è una conseguenza. Per questo, la promozione garantita e annunciata due mesi prima del termine dell’anno scolastico, per me rappresenta un autogol non indifferente”, afferma Pellai.

Intanto, così come riporta la Repubblica, non mancano le fibrillazioni all’interno della maggioranza con voci critiche verso l’operato della ministra con addirittura virgolettati molto forti: “Ci hai preso in giro, i tuoi atteggiamenti fanno male alla scuola”.

Come fare didattica a distanza: consigli e soluzioni

CORONAVIRUS – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Nuovo Modello Autodichiarazione 26.03.2020 Editabile

LE FAQ UFFICIALI

Coronavirus e scuole chiuse, tutto quello che c’è da sapere: norme