Home Attualità Un’altra prof aggredita in classe a Lucca

Un’altra prof aggredita in classe a Lucca

CONDIVIDI
  • Credion

Sembra che nelle scuole di Lucca ci siano stati altri episodi di bullismo nei confronti di altri prof, oltre a quello che ha visto il docente minacciato se non avesse messo la sufficienza.

Una prof aggredita con le mani al collo

Alcune agenzie di stampa riferiscono che, settimane fa, una professoressa di un’altra scuola superiore, l’istituto di scienze umane “Paladini”, sarebbe  stata aggredita da un alunno: il ragazzo le aveva messo le mani al collo, procurandole escoriazioni giudicate guaribili con cinque giorni di prognosi.

Icotea

Inoltre, alle scuole medie Leonardo Da Vinci di San Concordio, alle porte di Lucca, uno studente è stato aggredito da cinque bulli perché aveva preso le difese di un compagno a cui il gruppo di coetanei aveva spaccato gli occhiali.

“La gang lo ha affrontato e lo ha fatto cadere procurandogli la frattura di un braccio. In seguito a questa serie di episodi di bullismo, il provveditore agli studi di Lucca ha convocato per i prossimi giorni un vertice per fare il punto della situazione”.

Tre studenti indagati

In attesa di sapere cosa accadrà dopo il vertice, si apprende pure che tre studenti, tutti maschi, sono indagati per ingiurie e violenza privata. L’inchiesta è coordinata dalla procura dei minorenni di Firenze, considerato che anche il preside della scuola ha presentato una formale denuncia.

Il professore non aveva portato a conoscenza neppure alla dirigenza scolastica ciò che era accaduto in classe e in molti si chiedono perché lui stesso non abbia denunciato gli studenti.

Indagini e il consiglio di classe prevede sanzioni rigorose

Intanto le indagini sono in corso e le conseguenze legali per i tre minori potrebbero diventare importanti. Il consiglio di classe, inoltre, si riunirà per decidere quale sarà la punizione scolastica più adeguata. Le stesse autorità scolastiche stanno valutando le sanzioni previste rispetto alla gravità di comportamenti come questo.