Home Politica scolastica 21 mila studenti pronti per la festa degli orti scolastici organizzata da...

21 mila studenti pronti per la festa degli orti scolastici organizzata da Slow Food

CONDIVIDI
webaccademia 2020

“Possiamo cambiare il mondo a partire dall’Orto in Condotta”, lo slogan è efficace per presentare la “Festa degli orti scolastici”, la manifestazione giunta alla XII edizione organizzata dallo Slow Food Italia che si tiene dall’11 al 18 novembre prossimo che quest’anno coinvolge – spiegano dall’organizzazione – circa “21 mila studenti di 860 classi in tutta Italia in azione contro il cambiamento climatico”.

La giornata dedicata all’Orto in condotta è l’11 novembre, ovvero il giorno di San Martino data in cui si realizza la messa a riposo dei campi all’avvicinarsi dell’inverno. L’obiettivo dell’iniziativa, specie in questi ultimi anni, è quello di promuovere nelle nuove generazioni l’educazione alimentare che secondo Slow Food è “la chiave per affrontare la crisi climatica fin nelle sue radici più profonde: le scelte quotidiane degli adulti di domani!”.

Il progetto si sviluppa attraverso 10 azioni che “sono tutte collegate ai 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite”: coltivo l’orto per scoprire le leggi non scritte di piante e animali e incidere direttamente sulla mia impronta ecologica, faccio merenda con prodotti non confezionati per ridurre l’impiego di packaging, finisco la mia porzione e consumo anche gli avanzi del giorno prima per evitare gli sprechi alimentari, scelgo frutti locali e di stagione per arricchire la mia dieta di biodiversità e ridurre l’impatto del trasporto delle merci, mangio piatti a base di legumi, faccio la spesa dal contadino.

ICOTEA_19_dentro articolo

Le classi che partecipano all’edizione 2019 hanno ricevuto in dotazione un kit informativo che rappresenta un valido strumento per i docenti per spiegare agli allievi “come il nostro cibo è allo stesso tempo causa e vittima della crisi climatica e una guida pratica per agire direttamente sul nostro vissuto quotidiano con piccole ma significative azioni”.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese