Home Valutazioni Agli Its più soldi se consentiranno più occupazione

Agli Its più soldi se consentiranno più occupazione

CONDIVIDI

Martedì 23 settembre al Ministero dell’Istruzione, riporta la notizia Il Corriere della Sera, sarà presentato il Sistema di monitoraggio e di valutazione dei percorsi formativi, realizzato dalle Fondazioni degli Istituti Tecnici Superiori, illustrato dal sottosegretario Gabriele Toccafondi: “È un momento importante perché nel corso dell’evento saranno illustrate le modalità e i criteri di attuazione del sistema che ha messo a punto le modalità di applicazione degli indicatori di risultato per poter accedere a ulteriori finanziamenti. Si viene a realizzare così un sistema di premialità per quegli Its virtuosi che hanno saputo equipaggiare gli studenti di quelle competenze utili per inserirsi con successo e in modo permanente nel mondo del lavoro. Si chiude l’era dei finanziamenti a pioggia: gli Its avranno la loro pagella e per i migliori scatterà un premio”.

L’Indire a sua volta illustrerà in dettaglio i contenuti e le procedure di rilevazione che verranno applicate ai percorsi delle 74 Fondazioni sino a oggi costituite.

Icotea

Come è noto gli ITS è un percorso post diploma di due anni per formare figure professionali richieste dal mercato e dal territorio in cui le scuole stesse sono radicate.

Si tratta di scuole dove alla teoria, con il 50% delle docenze effettuate dal mondo della produzione, si affianca il 30%  di tirocinio attivo, ed è articolato  in sei diversi indirizzi: nuove tecnologie per il made in Italy; mobilità sostenibile; efficienza energetica; tecnologie innovative per i beni e le attività culturali; tecnologie della informazione e della comunicazione; nuove tecnologie della vita.

Da quest’anno, scrive sempre Il Corriere,  il fondo Miur e i fondi regionali che finanziano gli Its verranno distribuiti in questo modo: il 20% in relazione alla popolazione residente nella Regione di età compresa fra i 20 e i 34 anni; il 70% sulla base dei ragazzi ammessi al secondo anno e di quanti sono stati ammessi all’esame finale; per il 10% a titolo di premialità per quegli ITS che hanno ottenuto un punteggio pari o superiore a 70 secondo criteri che riguardano, fra l’altro, l’occupazione dei diplomati a 6 e a 12 mesi dalla fine del corso. Quindi in definitiva più si assume più cadono fondi prendi.