Home Archivio storico 1998-2013 Esami di Stato Anche senza “quizzone” la terza prova scritta agli esami di Stato

Anche senza “quizzone” la terza prova scritta agli esami di Stato

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Infatti, la terza prova scritta potrebbe essere la trattazione sintetica di argomenti significativi anche a carattere pluridisciplinare, contenente l’indicazione della estensione massima consentita (numero delle righe o delle parole). Tale proposta può essere presentata al candidato anche mediante un breve testo, in relazione al quale vengano poste specifiche domande.
Potrebbe essere l’analisi di casi pratici e professionali, correlata ai contenuti dei singoli piani di studio dei vari indirizzi, alle impostazioni metodologiche seguite dai candidati e alle esperienze acquisite anche all’interno di una progettazione di istituto caratterizzata dall’ampliamento dell’offerta formativa. 
Potrebbe essere La trattazione di un caso pratico e professionale, che costituisce un’ esercitazione didattica particolarmente diffusa negli istituti professionali e tecnici, può coinvolgere più materie ed è presentata con indicazioni di svolgimento puntuali e tali da assicurare risposte in forma sintetica. 
Potrebbe essere lo sviluppo di progetti, proposto per quegli indirizzi di studio per i quali tale modalità rappresenta una pratica didattica largamente adottata. In particolare negli istituti tecnici e professionali, in relazione ai singoli piani di studio, può essere richiesto lo sviluppo di un progetto che coinvolga diverse discipline o la esposizione di una esperienza di laboratorio o anche la descrizione di procedure di misura o di collaudo di apparati o impianti che siano tali da consentire al candidato di dimostrare anche la conoscenza degli strumenti, delle loro caratteristiche e delle metodologie di impiego. Pertanto dire “ quizzone “ riferendosi alla terza prova scritta dell’esame di Stato, potrebbe essere oltre che limitante del tutto fuorviante

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese