Home Archivio storico 1998-2013 Elezioni politiche 2013 Anche Snals-Confsal lancia il suo manifesto ai partiti in lizza

Anche Snals-Confsal lancia il suo manifesto ai partiti in lizza

CONDIVIDI
  • Credion

Per il sindacato autonomo il rilancio della scuola è un obiettivo prioritario per l’intera collettività. Chi si candida a governare il Paese deve impegnarsi per consentirle di adempiere alla propria funzione costituzionale. Soprattutto deve individuarla come un “investimento produttivo”, su cui adottare misure coerenti di ampio respiro e non, come avvenuto da molti anni, un “settore di spesa da tagliare”.
Il rilancio della scuola è il solo modo per dare un futuro occupazionale alle giovani generazioni, in un Paese come l’Italia, che non dispone di materie prime, la cui ricchezza è data dalla formazione di persone capaci d’inventiva e d’innovazione.
Per dare delle risposte, necessariamente articolate secondo i bisogni e i soggetti interlocutori del territorio, va garantito anzitutto l’esercizio di una vera autonomia scolastica. Per far questo è necessario istituire l’organico pluriennale di istituto e di rete dando attuazione a quanto previsto dall’art. 50 del decreto sulle “semplificazioni”, convertito nella legge 35/2012.
Sul piano strettamente sindacale, Snals-Confsal rivendica la necessità di:
garantire un sollecito rinnovo del contratto del personale della scuola, con un adeguamento delle retribuzioni in linea con quelle europee del settore;
dare stabilità agli organici e ridurre il precariato dando continuità al piano pluriennale di assunzioni in ruolo, individuando un’equa soluzione alla questione del reclutamento che garantisca l’assorbimento progressivo del precariato inserito nelle graduatorie ad esaurimento;
realizzare, dopo tanti tentativi, la riforma degli organi di governo della scuola, un’occasione per la valorizzazione dell’autonomia della scuola, della dimensione tecnico-professionale dei docenti e del ruolo fondamentale non solo del dirigente scolastico, ma anche del personale ATA.
Lo Snals auspica un forte impegno da parte delle forze politiche per una nuova cultura che affermi la serietà degli studi, il valore dell’impegno e dei comportamenti responsabili.