Home Archivio storico 1998-2013 Tirocinio formativo attivo Anfis denuncia la mancanza di informazioni nell’attivazione dei tirocinio nei Tfa

Anfis denuncia la mancanza di informazioni nell’attivazione dei tirocinio nei Tfa

CONDIVIDI
  • Credion

A tal proposito l’associazione ritiene urgente i seguenti due punti: 

1) che siano monitorate, con una raccolta di informazioni anche in via telematica, le situazioni che in molte università vedono ancora ritardi nella selezione dei tutor coordinatori, con inevitabili ulteriori dannosi differimenti nella individuazione dei soggetti che dovranno gestire il tirocinio; riteniamo che il non aver posto una scadenza comune su tutto il territorio nazionale per la definizione di tali situazioni abbia permesso scelte che a posteriori non temiamo di definire arbitrarie, e stia di fatto danneggiando la qualità del percorso di tirocinio e ledendo il diritto dei tirocinanti di conoscere le modalità e i tempi del suo svolgimento; a tal fine ci parrebbe opportuno anche se tardivo porre un termine anche ora;
2) che sia fatto un formale richiamo a tutte le scuole che intendano accogliere in tirocinio studenti inseriti nei percorsi di formazione iniziale degli insegnanti, ad applicare senza indugio le disposizioni, già da tempo applicabili (e in alcune isolate scuole applicate), previste dall’art. 2 comma 2 del D.M. 8 novembre 2011, in modo da assicurare agli studenti e agli aspiranti tutor dei tirocinanti una selezione del personale da incaricare, basata su merito e titoli posseduti, così come la ratio legis del D.M. citato chiaramente vuole. Su questo punto siamo costretti a diffidare formalmente qualunque procedura che eluda il principio del merito e delle pari opportunità di accesso agli incarichi così come il D.M. garantisce e che affidi gli incarichi senza il rispetto delle necessarie procedure.

Icotea