Home Attualità Arrestata prof pugliese in Australia: trovata con 5 chili di cocaina

Arrestata prof pugliese in Australia: trovata con 5 chili di cocaina

CONDIVIDI
  • Credion

La vicenda di Elisa Salatino, 39 anni insegnanti di Bari, ha dell’incredibile. La donna adesso si trova in carcere in Australia rischiando l’ergastolo.

Secondo le prime ricostruzioni, la storia inizierebbe il 27 gennaio scorso, quando la docente, come riporta la pagina barese di Repubblica.it, condivide un messaggio sulla sua bacheca Facebook: “Se pensassi ad alta voce sarei ai domiciliari”.

Icotea

E domenica 12 febbraio arriva il fermo all’aeroporto di Melbourne, quando è stata trovata in possesso di quasi cinque chili di cocaina per un valore commerciale di più di un milione di dollari, nascosti in un doppio fondo della propria valigia.

Alla scuola dove insegna da alcuni anni, si legge su Repubblica.it, dopo una breve esperienza alle scuole primarie, Elisa aveva chiesto due giorni di permesso per ‘motivi familiari’ e al lavoro sarebbe dovuta rientrare lunedì.
“Mi piacciono le persone folli, profumano di vita”, aveva scritto sabato su Facebook, augurando un buon fine settimana da un paese della provincia di Napoli. A Melbourne è arrivata con un aereo proveniente da Roma. Per nascondere la droga, suddivisa in numerosi pacchetti, aveva usato un pannello di compensato.

Gli agenti della squadra mobile di Bari stanno cercando di ricostruire il viaggio dell’insegnante di sostegno e soprattutto i suoi contatti. 
“Non avevamo notato nulla di strano” dicono a scuola e anche nella palestra che la ragazza frequentava assiduamente la notizia dell’arresto è stata accolta con sorpresa.
Adesso le indagini proveranno a capire in che modo la docente sia entrata in questo giro ed ad appurare il fatto che sicuramente in un altro viaggio precedente si sarebbe procurata la droga, escludendo che possa essere stata rifornita a Bari.
Dopo l’arresto, Elisa Salatino è comparsa davanti alla Magistate’s Court di Melbourne ed è stata rinviata a giudizio al 22 maggio.

 

{loadposition facebook}