Home Alunni Attività di controllo sul turismo scolastico con autobus. Il modulo da trasmettere...

Attività di controllo sul turismo scolastico con autobus. Il modulo da trasmettere alla Polizia stradale

CONDIVIDI

Il Miur ha avviato una proficua collaborazione con la Polizia Stradale, al fine di assicurare alle istituzioni scolastiche che ne fanno richiesta, un servizio di controllo sia prima della partenza che in itinere sui mezzi di trasporto dedicati alle visite di istruzione.

In tal contesto, risultano essenziali le intese a livello locale con gli istituti scolastici per un’efficace programmazione dell’attività di controllo.

Inoltre, affinché tutti i viaggi continuino ad essere confortevoli e sicuri, un ruolo
cruciale è rivestito dai controlli che l’organo di polizia stradale effettua in itinere sui mezzi di trasporto dedicati alle visite d’istruzione, sia in occasione della normale attività di vigilanza stradale, sia a seguito di segnalazione pervenuta attraverso i numeri di assistenza.

ICOTEA_19_dentro articolo

Nel 2016 la Polizia Stradale ha impiegato 10.615 pattuglie per il controllo di 15.546 autobus (di cui 10.126 su richiesta delle scuole), pari al 15% circa del parco veicolare in Italia, rilevando irregolarità su 2.549 veicoli (1.287 di quelli controllati su richiesta delle scuole).

Le principali violazioni accertate hanno riguardato irregolarità documentali (2.117 violazioni); inefficienza dei dispositivi di equipaggiamento quali, ad esempio, pneumatici lisci, cinture di sicurezza guaste, fari rotti ecc. (624 violazioni); mancato rispetto dei tempi di guida e di riposo (449 violazioni); eccesso di velocità (262 violazioni); carte di circolazione ritirate (68); patenti di guida ritirate (46) e omessa revisione (36).

ModuloViaggi

 

CONDIVIDI