Home Attualità Aule nelle scuole paritarie, Pittoni e Aprea: “Lo avevamo detto fin da...

Aule nelle scuole paritarie, Pittoni e Aprea: “Lo avevamo detto fin da subito”

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Fa discutere la decisione del Ministero dell’Istruzione di consentire agli Enti Locali di sottoscrivere convenzioni onerose con le scuole paritarie per avere a disposizione locali aggiuntivi a partire dalla metà di settembre per il rientro a scuola.

Dopo le dichiarazioni contrastanti di due senatrici del M5S arriva oggi la presa di posizione di Mario Pittoni, responsabile scuola della Lega che afferma:  “Praticamente al limite del tempo massimo per l’individuazione degli spazi necessari alla ripartenza delle lezioni in presenza, il ministro Azzolina finalmente ammette che la scuola paritaria, in quanto parte integrante del sistema pubblico, va tutelata allo stesso modo della statale”.

“La strada degli accordi che la Lega sollecita da tempo per l’utilizzo di locali delle paritarie per lezioni della statale – aggiunge Pittoni – poteva tranquillamente essere percorsa con determinazione da subito; non concessa a ridosso dell’avvio dell’anno scolastico compromettendo la buona riuscita dell’operazione”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Dello stesso tenore le dichiarazioni che l’onorevole Valentina Aprea ha rilasciato alla nostra redazione: “È certamente una buona notizia l’apertura del Ministero ai Patti educativi territoriali con le scuole paritarie. Ora ci aspettiamo che le Direzioni Regionali promuovano incontri per dare gambe a questo progetto di integrazione e di mutuo soccorso.  Rafforzare le reti educative orizzontali e verticali coinvolgendo anche le scuole paritarie e gli oratori sarà un valore aggiunto per la qualità della scuola italiana in un momento sfidante e delicato come questo”.
Anche Aprea ricorda che il tema era stato sollevato fin da subito dall’opposizione: “Forza Italia è stata la prima forza politica a lanciare in Parlamento questa opportunità allorquando è emerso il problema degli spazi alternativi per le lezioni”.

Preparazione concorso ordinario inglese